Atalanta-Inter 4-1, si, si quattro bastano

Si ferma a Bergamo contro l’Atalanta Il filotto di vittorie dell’Inter in campionato.  Contro gli uomini di Gasperini  i nerazzurri  milanesi incappano in una giornata di totale blackout , giocando la peggior partita della stagione e rimediando una seria scoppola. La rete del momentaneo pareggio siglata da Icardi su rigore ad inizio ripresa a cui aveva fatto seguito un decina di minuti di speranza nerazzurra; ma si è trattato di un fuoco di paglia.

Si ferma a Bergamo contro l’Atalanta Il filotto di vittorie dell’Inter in campionato.  Contro gli uomini di Gasperini  i nerazzurri  milanesi incappano in una giornata di totale blackout , giocando la peggior partita della stagione e rimediando una seria scoppola.

Se le precedenti due sconfitte contro Sassuolo e Parma avevano avuto qualche attenuante , anche arbitrale, ieri nell’anticipo dell’ora di pranzo contro gli orobici.

L’Inter è sembrata proprio non scendere in campo, travolta sin dall’inizio dal forcing di un avversario capace di servire un menù completo fatto di primo, secondo, contorno e dolce.

I giocatori di Spalletti sono sembrati essere rimasti ancora negli spogliatoi del dopo Inter-Barcellona di martedì sera in Champions.

Con una concentrazione fluttuante verso il basso e le gambe che rifiutavano di correre o andavano a scartamento ridotto.

La fascia sinistra nel primo tempo ha ballato non poco sotto i colpi di Toloi ed Hateboer, autore del gol del vantaggio, che sembravano Everaldo e Jairzinho del Brasil del Messico.

C’è voluto il miglior Handanovic  per contenere il minimo scarto al termine della prima frazione di gara.

Atalanta-Inter 4-1 il risultato finale,

La rete del momentaneo pareggio siglata da Icardi su rigore ad inizio ripresa a cui aveva fatto seguito un decina di minuti di speranza nerazzurra; ma si è trattato di un fuoco di paglia.

L’Atalanta ha ripreso il pallino dell’incontro portando a casa una larga e meritata vittoria, grazie a due zuccate su calcio piazzato (Mancini e Djmsiti) ed un capolavoro di Gomez in pieno recupero, con l’Inter in dieci per l’espulsione di Brozovic.

Singolare che anche il Barcellona ieri ne abbia prese quattro in casa dal Betis Siviglia, e che anche i blaugrana siano rimasti in dieci per l’uscita per rosso di Rakitic, anche lui guarda caso croato.

Inter e Barcellona unite empaticamente in un amaro destino domenicale, quasi a far pensare che la Musa Champions non abbia voluto fare preferenze nel dispensare la sua influenza negativa.

Ora la sosta per il doppio impegno della nazionale, e poi  un tosto  tour de force prenatalizio.

Le sfide con Frosinone, Tottenham, Roma, Juventus e Psv nei venti giorni scarsi tra il  24 novembre al l’11 dicembre, diranno di che pasta siamo fatti e verso che traguardi saremo lanciati in Italia ed in Europa.

Tutto per dimostrare che ieri è stato un passo falso e che quattro bastano.

Amala