Inter-Frosinone 3-0, le pagelle dei “nerazzurri”

Missione compiuta per l'Inter che incassa i tre punti senza troppi patemi ed inizia a preparare il primo match point per la qualificazione alla fase UCL ad eliminazione diretta...

Missione compiuta per l’Inter che incassa i tre punti senza troppi patemi ed inizia a preparare il primo match point per la qualificazione alla fase UCL ad eliminazione diretta…

Le valutazioni dei nerazzurri:

Handanovic6,5 Giornata di relativa tranquillità, prima di tre trasferte durissime. Si fa comunque trovare pronto quando serve e salva su Ciofani a inizio ripresa . Reattivo

33 D’Ambrosio6,5 Una prova convincente dopo le tante critiche ricevute a Bergamo. Spinge quando può sulla fascia e non rischia mai in fase difensiva. Sicuro.

De Vrij6 controlla bene gli attaccanti del Frosinone, ma è anche poco sollecitato. Quando gioca lui al posto di Miranda comunque siamo più tranquilli. Rilassato.

37 Skriniar6,5 non lascia respirare gli attaccanti avversari, li pressa quando può e vince tutti gli scontri fisici. Cerca anche fortuna nell’area avversaria. Roccioso.

18 Asamoah6,5 anche lui meno timido rispetto a qualcuna delle ultimeapparizioni, complice anche l’avversario. Si fa notare anche per qualche sgroppata sulla fascia. Bella chiusura su Ciofani a fine primo tempo. Volitivo.

Gagliardini6,5 buona prestazione di diga davanti la difesa e qualche buon inserimento senza palla. Buona prova del Gaglia che insieme a Borja e Naingollan controlla la situazione con sicurezza a centrocampo. Prezioso

20 B. Valero6,5: quando l’Inter deve fare la partita contro piccole squadre è meglio lui che Vecino. Sempre lucido in regia e combattivo quando serve. Geometra

16 Politano7 Solito motorino sulla fascia, non riesce a trovare il gol ma lo cerca con insistenza. Crea quasi sempre la superiorità numerica e offre un assist preciso per la doppietta di Keita oltre a belle giocate di prima intenzione. Indiavolato.

14 Nainggolan: 6,5 Spalletti gli concede minuti importanti per migliorare la sua condizione. Ci sarà bisogno del ninja in grande spolvero nelle prossime partite. Ritrovato.

11 Keita8 Ci vogliono alcuni mesi per vedere il miglior Keita. Prima manda al bar mezza difesa con una serie di dribbling e scarica in rete il sinistro del vantaggio, poi pennella il cross per il raddoppio di Lautaro, infine chiude la partita aprendo il piattone destro a tu per tu con Sportiello. Incontenibile.

10 Lautaro7 Spalletti gli affida il peso dell’attacco e lui fa a sportellate con i difensori avversari dimostrando anche grinta. Prestazione impreziosita dal secondo gol in campionato, sempre di testa dopo uno stacco imperioso. Il ragazzo di Bahia Blanca è un attaccante vero. Perentorio.

(71’15 J. Mario), (77′ 9 Icardi) e (83′ 87 Candreva): S.V.

Luciano Spalletti: noi siamo soddisfatti del suo lavoro ad oggi, vogliamo parlare del mister a fine campionato… Abbiamo i nostri motivi!