Inter tra le grandi senza i vincoli del settlement agreement.

Suning potrà scatenare fuoco al prossimo players trading

Suning potrà scatenare fuoco al prossimo players trading

L’Inter è al suo ultimo anno di transizione. Tutti i tasselli del mosaico – dal rinnovo societario al parco giocatori – stanno andando al loro posto. E, ragionevolmente, dal prossimo anno, il club nerazzurro entrerà in pianta stabile e con pieno diritto tra le grandi d’Europa.

Un percorso che verrà agevolato senza dubbio dall’uscita dal settlement agreement. “Libertà d’azione più ampia, meno vincoli e il settlement agreement che dà finalmente respiro – conferma il Corriere dello Sport-.

In questo modo, nel prossimo triennio – 2019-2022 – l’Inter che il 26 ottobre ha nominato ufficialmente Steven Zhang come nuovo presidente, potrà allinearsi agli altri club europei. Ovvero mantenendo al massimo un passivo di trenta milioni nel triennio.

Adesso c’è un futuro da programmare, affidandosi anche all’esperienza di Beppe Marotta come amministratore delegato”.

In soldoni, ampio margine di manovra sul mercato, nessuna limitazione nella lista Uefa e appeal ritrovato a ogni livello.

“Il fatturato del gruppo Suning Holdings, del resto, è invidiabile: si tratta di 31,2 miliardi di euro nel 2017 (+30% rispetto all’anno precedente) con un utile netto di 540 milioni (+497,66%). In pratica è la seconda società privata più ricca della Cina, con ricavi complessivi pari a circa 53 miliardi di euro.

Dati che si riflettono positivamente sull’Inter, che vuole tornare quanto prima sui livelli d’élite”, sottolinea il quotidiano romano.

E allora riecco i sogni di mercato, con Luka Modric sempre nel mirino. “Sul croato verrà fatto un ulteriore tentativo la prossima estate – assicura il Corsport -.

Un paletto in meno, quello relativo agli acquisti e agli obblighi da ottemperare. Nello smussare gli angoli della trattativa, si terrà conto anche del contratto di Modric che scade nel 2020.

L’inutile rincorsa al croato è durata una ventina di giorni, in agosto, quando sembrava fosse davvero in rotta di collisione con il Real Madrid.

Fonte F.C. Internews – Corriere dello Sport