Roma-Inter 2-2, le note di gara

Parità all'Olimpico, un pareggio per 2-2 che non serve a nessuna delle squadre in campo

Parità all’Olimpico, un pareggio per 2-2 che non serve a nessuna delle squadre in campo

ROMA – Gol, emozioni e spettacolo allo stadio Olimpico nella sfida tra Roma e Inter: 2-2 il risultato finale del posticipo domenicale della 14^ giornata della Serie A TIM.

I nerazzurri si portano in vantaggio due volte, prima con Keita e poi con Icardi, ma in entrambi i casi vengono raggiunti dai giallorossi, prima da Under e poi dal rigore di Kolarov.

In virtù di questo risultato l’Inter si porta a quota 29 punti in classifica, al secondo posto alla pari col Napoli (che deve ancora giocare contro l’Atalanta).

Le due squadre scelgono di affrontarsi a viso aperto sin dai primi istanti di gioco. Al minuto 11 Keita scalda le mani di Olsen con una conclusione dalla distanza, mentre tre minuti dopo è Handanovic a respingere il tentativo dal limite di Florenzi. Al 20′ Perisic svetta in area di rigore sul cross di D’Ambrosio, mettendo alto di poco.

L’Inter manovra bene il pallone in questa fase: al 23′ il cross teso di Asamoah è leggermente impreciso per consentire l’intervento sottomisura di Joao Mario. Chance importante per la Roma al 26′: Schick libera con un gran colpo di tacco l’accorrente Florenzi, il cui destro secco sbatte sul palo.

L’Inter risponde al 30′ con Icardi, ben servito dall’imbucata centrale di Brozovic, ma Olsen è bravo a chiudere in uscita. Emozioni senza sosta all’Olimpico: Zaniolo al 32′ va vicino all’incrocio con un sinistro a giro, al 35′ Olsen blocca il colpo di testa ravvicinato di Keita (assist di D’Ambrosio).

Proteste romaniste poco dopo per un presunto contatto in area nerazzurra tra D’Ambrosio e Zaniolo ma, al 37′, è l’Inter a passare in vantaggio: Joao Mario allarga per D’Ambrosio, il cui preciso cross dalla destra viene spinto in rete da Keita, al terzo gol in due partite. I padroni di casa reagiscono al 40′ con una punizione dai 25 metri di Kolarov, alzata in corner dalla mano di Handanovic. Si va così al riposo con l’Inter in vantaggio.

La ripresa si apre col pareggio romanista: al 51′ Under scarica un improvviso sinistro dalla distanza che non lascia scampo ad Handanovic.

La partita resta così totalmente in bilico: al 55′ Santon appoggia in area per Nzonzi, la cui conclusione viene ribattuta col corpo da Skriniar. I giallorossi spingono forte in questa fase nel tentativo di ribaltare il risultato, Spalletti risponde mandando in campo Politano al posto di Keita.

Al minuto 66 l’Inter trova la seconda rete: Brozovic batte un calcio d’angolo da sinistra e Mauro Icardi, come sempre letale in area, anticipa tutti trafiggendo Olsen con un perentorio colpo di testa (ottavo sigillo in questo campionato per il capitano).

Il nuovo vantaggio nerazzurro dura soltanto pochi minuti: al 72′ Brozovic tocca col braccio e il direttore di gara, con l’ausilio del VAR, indica il dischetto. Kolarov si incarica dell’esecuzione, superando Handanovic con un sinistro forte e preciso: è 2-2 al 74′.

Nell’ultimo quarto d’ora del match entrambe le formazioni si lanciano alla ricerca del colpo del ko, come in incontro di boxe: Spalletti getta nella mischia Lautaro e Vecino, al posto di Perisic e Borja Valero.

Al minuto 85 Politano rientra da destra e lascia partire un potente sinistro, che si infrange sul corpo di Juan Jesus. L’arbitro concede cinque minuti di recupero: Brozovic impegna Olsen dalla distanza, Cristante mette a lato di testa.

La sfida dell’Olimpico si chiude dunque in parità: Roma-Inter 2-2.

Ora i nerazzurri sono attesi da un’altra impegnativa trasferta: venerdì 7 dicembre, nel giorno di Sant’Ambrogio, si va a Torino per sfidare la Juventus.

Sempre #ForzaInter!

ROMA-INTER 2-2
Marcatori: 37′ Keita (I), 51′ Under (R), 66′ Icardi (I), 74′ rig. Kolarov (R)

ROMA: 1 Olsen; 18 Santon (69′ 34 Kluivert), 44 Manolas, 5 Juan Jesus, 11 Kolarov; 4 Cristante, 42 Nzonzi; 24 Florenzi, 22 Zaniolo (77′ 8 Perotti), 17 Under (83′ 27 Pastore); 14 Schick
A disposizione: 83 Mirante, 63 Fuzato, 3 Pellegrini, 15 Marcano, 53 Riccardi, 60 Celar
Allenatore: Eusebio Di Francesco

INTER: 1 Handanovic; 33 D’Ambrosio, 37 Skriniar, 6 De Vrij, 18 Asamoah; 20 B. Valero (80′ 8 Vecino),77 Brozovic; 11 Keita(62′ 16 Politano), 15 J. Mario, 44 Perisic (80′ 10 Lautaro); 9 Icardi
A disposizione: 27 Padelli, 2 Vrsaljko, 5 Gagliardini, 13 Ranocchia, 23 Miranda, 87 Candreva
Allenatore: Luciano Spalletti

Ammoniti: Asamoah (I), Kolarov (R)

Recupero: 0′ + 5′

Arbitro: Rocchi
Assistenti: Preti, Costanzo
IV uomo: Di Bello
Addetti VAR: Fabbri, Valeriani

Fonte sito ufficiale F.C. Internazionale