I problemi di formazione si protrarranno…tegola per Luciano Spalletti

Arrivano brutte notizie in casa Inter dall’esito degli esami strumentali a cui si sono sottoposti quest’oggi Joao Miranda e Danilo D’Ambrosio presso l’ Istituto Clinico Humanitas di Rozzano.

I problemi di formazione si protrarranno…tegola per Luciano Spalletti

Arrivano brutte notizie in casa Inter dall’esito degli esami strumentali a cui si sono sottoposti quest’oggi Joao Miranda e Danilo D’Ambrosio presso l’ Istituto Clinico Humanitas di Rozzano.

I due giocatori sono dovuti uscire anzitempo nel match perso ieri dai nerazzurri contro il Sassuolo per 1-0 (qui è possibile leggere le valutazioni della partita), destando subito grande preoccupazione visti i due match importanti in programma questa settimana, con il derby di coppa Italia contro il Milan mercoledì, e con il match di campionato contro la Lazio di sabato prossimo, fondamentale per la corsa ad un piazzamento in Champions League. il terzino italiano ha subito una lesione di primo grado al legamento collaterale mediale della gamba sinistra, mentre per il brasiliano è stato riscontrata una lesione di primo grado al soleo della gamba destra. Entrambi i giocatori non saranno a disposizione del tecnico, Luciano Spalletti, per le partite contro Milan e Lazio e al loro posto si scaldano Andrea Ranocchia e Yuto Nagatomo, pronto a riprendersi una maglia da titolare dopo la disastrosa prestazione di ieri di Dalbert, che dal momento del suo ingresso non è mai riuscito ad incidere. Dovrebbe essere confermato sulla fascia destra Joao Cancelo, autore invece di una buona prestazione e tra i pochi a salvarsi dalla trasferta al Mapei Stadium. Per quanto riguarda i tempi di recupero, è molto probabile che entrambi i calciatori stiano lontani dai campi di gioco per un mese, saltando anche la partita contro la Fiorentina del 5 gennaio, e faranno di tutto per essere a disposizione al rientro, dopo la sosta, per il big match contro la Roma, allo stadio Meazza, che si giocherà domenica 21 gennaio. Non dimentichiamo Matias Vecino, che da qualche tempo gioca anche se acciaccato.