Milan problemi UEFA: per risolverli potrebbero servire tre cessioni illustri

La UEFA respingerà il piano del Milan sul “voluntary agreement” proposto dalla società rossonera…

Milan problemi UEFA: per risolverli potrebbero servire tre cessioni illustri

La UEFA respingerà il piano del Milan sul “voluntary agreement” proposto dalla società rossonera...

I problemi del Milan non sono solo sul rettangolo di gioco. Se qui la squadra fatica moltissimo, come anche dimostrato nell’ultimo turno di Europa League contro il Rijeka, anche la società rossonera sta affrontando molte difficoltà. Queste arrivano riguarda la situazione dell’ormai noto fair play finanziario introdotto dall’Uefa e per il quale il Milan rischia seriamente di essere sanzionato. Il punto è questo: per la risposta ufficiale della Uefa al “voluntary agreement” proposto dalla società rossonera ci vorrà ancora qualche giorno, ma si va verso un no che andrebbe a respingere quanto avanzato dal Milan tramite l’ad Marco Fassone. Nelle scorse ore l’amministratore delegato rossonero aveva già in parte confermato questa eventualità, definendo anche senza mezzi termini le richieste della Uefa a riguardo: “Ho troppo rispetto per le istituzioni Uefa, spero non sia così. Spero siano decisioni neutre. La commissione però ha fatto richieste oggettivamente impossibili non solo per il Milan. Abbiamo integrato i documenti e auspico che si riesca ad arrivare al voluntary, poi rispetteremo le decisioni. Questo sarebbe un accordo per non avere sanzioni nel breve. Non c’è ottimismo, c’è attesa per il pronunciamento”. Se il piano di rientro dalla posizione debitoria dei rossoneri proposto da Fassone non venisse accettato dalla UEFA, al Milan resterebbe la strada del patteggiamento delle pene, il cosiddetto “settlement agreement”, come già fatto in passato anche da Inter e Roma. Tuttavia, come riporta la Gazzetta dello Sport, i rossoneri avrebbero qualche problema anche a rispettare i requisiti di questa seconda opzione. Ma comunque si lavorerà in questa riduzione, pur consci che le pene ci sarebbero (si va da una semplice multa, alla riduzione dei giocatori iscrivibili alla lista Uefa, fino ad arrivare all’equilibrio tra acquisti e cessioni). Per ripianare in fretta però la situazione debitoria e mettere a posto il bilancio dei rossoneri, la strada più breve sarebbe quella riferita alla cessione di qualche pezzo pregiato. Il primo nome sulla lista a riguardo è il portiere Gianluigi Donnarumma, ambito da diversi top club europei, Real Madrid su tutti. Ma anche altri due giocatori come Leonardo Bonucci e Suso, potrebbero andare via in estate per alleggerire un monte ingaggi dilatato eccessivamente in estate per un totale di 50 milioni di euro lordi.

Fonte SPORT 24