Vai al contenuto

Acerbi si ferma causa pubalgia: stagione con l’Inter finita, torna all’Europeo

Acerbi, tramite un post sui social, annuncia di fermarsi a causa della pubalgia per poter recuperare al meglio in vista di Euro2024.

L’Inter si appresta ad affrontare il Torino nel lunch match domenicale. Una gara irrilevante ai fini della classifica per i nerazzurri, che in queste ultime 5 giornate andranno alla caccia di alcuni record ancora raggiungibili. L’attenzione, domani, sarà esclusivamente rivolta alla parata celebrativa della squadra per le vie di Milano, che avverrà nel pomeriggio dopo il fischio finale.

Inter, Acerbi si ferma: appuntamento all’Europeo

acerbi intervista

Per quanto riguarda l’undici da opporre ai granata, Simone Inzaghi dovrebbe affidarsi ancora ai titolarissimi. Unica eccezione è l’assenza di Acerbi dal centro della difesa. Il difensore ex Lazio ha annunciato, tramite un post sui social, la fine anticipata della sua stagione nerazzurra causa pubalgia. Ecco le sue parole in un post sul suo profilo ufficiale Instagram:La mia priorità è sempre stata dare il massimo per questa maglia per questo negli ultimi mesi ho giocato stringendo i denti nonostante la pubalgia. Ora, con queste cucite sul petto, ho il tempo per recuperare ed essere al 100% per i prossimi impegni“. Naturale pensare che, dato l’obiettivo ormai raggiunto, il classe ’88 non voglia rischiare e cercare di essere al 100% in vista dell’Europeo da disputare con l’Italia. Al suo posto pronto De Vrij.

Acerbi sarà poi presente, insieme ai suoi compagni, alla parata celebrativa che inizierà dopo la partita. Il bus scoperto partirà da San Siro alle 16:00 e arriverà, tra le 21:00 e le 21:30, in Piazza Duomo. Il prefetto Claudio Sgaraglia, per garantire che le celebrazioni si svolgano senza problemi, ha vietato la somministrazione di alcool nelle zone nevralgiche della città dove avranno luogo le celebrazioni. Dalle 10 alle 18 il divieto scatterà in zona San Siro e dintorni, mentre dalle 16 del 28 aprile alle 3 del 29 aprile non si potranno somministrare e vendere per l’asporto alcolici e superalcolici nelle zone di San Babila, Duomo, Cordusio e Cairoli. Rimane possibile, invece, l’ordinario consumo al tavolo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Febi

Fabrizio Febi