Vai al contenuto

Agente di Lautaro gela i tifosi: “Non c’è ancora accordo per il rinnovo”

Lautaro Martinez è diventato il simbolo della nuova Inter di Simone Inzaghi: il suo talento, la sua grinta e soprattutto i suoi gol (18 in 18 gare di Serie A) stanno totalmente trascinando la squadra. La paura dei tifosi nerazzurri, però, è che questi numeri possano stuzzicare l’appetito di qualche big europea, che potrebbe strappare ai nerazzurri il proprio capitano.

Lautaro, rinnovo: ecco cosa ha dichiarato il suo agente

La trattativa tra l’ex Racing e il club per allungare la sua permanenza a Milano è sul tavolo, così come la volontà di entrambe le parti di farlo, ma quello che ad oggi ancora manca è l’accordo. Ha parlato Alejandro Camano, agente dell’argentino, per fare il punto sulla trattativa e tranquillizzare i tifosi, che si è detto tranquillo e ha ribadito che il suo assistito ha ancora due anni di contratto con l’Inter.

L’agente ha ripetuto che Lautaro ama l’ambiente, la tifoseria e il club, si sta giocando grosse chances di vincere trofei in Italia e in Europa ed è fiero di essere a 26 anni già capitano di uno dei club più prestigiosi del panorama calcistico europeo. Il suo futuro però, ha dichiarato Camano, non dipenderà soltanto dall’amore dell’argentino per il club ma dalla possibilità che sia il calciatore sia la squadra escano soddisfatti da un eventuale accordo per il prolungamento. Accordo che al momento ancora non c’è.

Nonostante le parole rassicuranti nei confronti della società e della situazione felice tra il 9 nerazzurro e il club, i tifosi sanno che molte squadre in Europa sarebbero disposte a fare pazzie per quello che è uno degli attaccanti con i numeri migliori di questa stagione, per non parlare delle sirene dell’Arabia che hanno già tentato e sedotto diversi campioni.

L’agente rassicura e garantisce che Lautaro sta bene all’Inter e non valuta nessuna alternativa, nel frattempo si continua a lavorare per raggiungere un accordo che sembra agognato da tutti e i tifosi possono godersi i suoi gol.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati