Vai al contenuto

Allarme Isis: minaccia agli stadi dei quarti per la Champions

Allarme attentati Isis: i canali di diffusione informazioni dello stato islamico minacciano attacchi contro gli stadi dei quarti di finale.

Dovrebbe esserci gioia, elettricità, tensione agonistica e agitazione in vista del ritorno della Champions League con le partite dei quarti di finale che si preparano a dare il via all’ultima fase della più importante competizione d’Europa. Per questa sera, invece, c’è apprensione e paura di nuovi attacchi terroristici da parte dell’Isis.

Sono stati diversi media spagnoli a riportare la notizia citando i canali di diffusione dei messaggi dello stato islamico. Attraverso l’organo mediatico “Al Azaim“, infatti, è stata condivisa una foto dei quattro stadi che ospiteranno i match di questa settimana (Emirates Stadium a Londra, Parco dei Principi a Parigi, Civitas Metropolitano e Santiago Bernabeu a Madrid) accompagnata dalla scritta “Kill them all“, “Uccideteli tutti“. Ne ha dato notizia la stazione radio spagnola Onda Cero.

Champions League, paura per i quarti: scatta l’allarme attentati

Logo e sfondo ufficiale della Champions League

Secondo Marca la polizia spagnola sarebbe preparata e al corrente da giorni di questo rischio, tanto da non aver programmato nessun cambiamento in vista delle partite Real Madrid-Manchester City e Atletico Madrid-Borussia Dortmund. Le misure di sorveglianza speciale prese dal Ministero dell’Interno spagnolo riguardano soprattutto quest’ultima sfida, considerata delicata indipendentemente dal pericolo attentati.

La UEFA aveva già deciso in passato di optare per la sicurezza, ad esempio facendo disputare la finale tra Juventus e Real Madird di Cardiff nel 2017 al Millennium Stadium con il tetto chiuso, a fronte di possibili azioni di droni dall’alto. Dai servizi di polizia le fonti assicurano che non c’è da preoccuparsi e che la minaccia non è motivo di allarme. Lo stato islamico, comunque, aveva già rivendicato più volte fra i propri obiettivi i grandi eventi sportivi, e sarà il comitato di competizione con le autorità di pubblica sicurezza a decidere se e in che modo rafforzare le misure di prevenzione negli stadi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati