Vai al contenuto

Arnautovic si gioca la riconferma in due mesi ma l’Inter preferirebbe cederlo

Marko Arnautovic sta vivendo la stagione di ritorno all’Inter con alti e bassi, prestazioni non sempre all’altezza e tanti guai fisici che hanno impedito all’austriaco di trovare la miglior forma e di mantenerla per un certo periodo. Per questi motivi non è certa la sua permanenza anche nella prossima stagione. 

Come riporta Tuttosport, la permanenza di Arnautovic all’inter nella prossima stagione è in bilico, con il centravanti ex Bologna chiamato a disputare un gran finale di stagione per guadagnarsi la riconferma.

La seconda storia d’amore tra Anna e l’Inter è difficile da inquadrare, proprio come la sua prima esperienza da giovanissimo nell’Inter del Triplete.

La storia di Arnautovic all’Inter: si gioca la riconferma

arnautovic inter atalanta

Se nella stagione 2009-2010, Marko era un gregario con pochissimi minuti giocati in stagione che perlopiù si occupava di bravate insieme al compagno di stanza Balotelli e a intrattenere il pubblico durante i trionfi nel corso della stagione, la versione adulta e matura che veniva da due grandi annate a Bologna porta con sé aspettative diverse.

Aspettative che però andrebbero inquadrate nello scenario che si è venuto a creare nel mercato della scorsa stagione.

La scelta di virare su Arnautovic è stata figlia della vicenda Lukaku, dopo che l’Inter aveva puntato tutto sull’acquisito del belga dal Chelsea e che una volta scoperto l’atteggiamento doppiogiochista di Romelu ha deciso di riportare in nerazzurro Arnautovic nel ruolo di terza punta, fidandosi ulteriormente anche del rendimento di Thuram.

Per questo motivo, l’arrivo di Arnautovic è stat vissuto fin da subito come una scelta di ripiego, tant è che il budget risparmiato su Lukaku è stato poi speso per acquistare Benjamin Pavard e colmare il vuoto lasciato da Skriniar.

Arrivati a questo punto della stagione e avendo sotto mano il rendimento deludente di Lukaku e di Skriniar nelle rispettive nuove squadre e sopratutto la sorpresa di Thuram, la decisione dell’inter sembra essere vincente.

L’unico punto negativo è proprio rappresentato da Arnautovic, che non è riuscito a imporsi come voleva.

L’impegno e la dedizione non sono mai venuti a mancare, a testimoniarlo c’è il modo in cui Marko vive le partite, sopratutto a San Siro: a ogni occasione sprecata l’attaccante austriaco è triste ed amareggiato, con il linguaggio del corpo che non necessita di ulteriori commenti.

Ma è proprio qui il punto: troppe volte abbiamo visto Arnautovic intristito, segno che sono state molte le occasioni non tramutate in gol, tra tutte la partita in casa contro l’Atletico. 

Una croce che potrebbe rivelarsi decisiva in vista della sua riconferma, che al momento è ancora in bilico.

Di ritorno da un nuovo infortunio patito contro il Bologna, Marko ha un solo modo per guadagnarsi la riconferma: segnare e convincere tecnico e dirigenza nelle partite che rimangono.

Ad ogni modo, il reparto offensivo dell’Inter nella prossima stagione è destinato a cambiare forma e non è da escludere che un buon finale di stagione possa in realtà portare a un offerta in estate.

In casso di offerte da cinque milioni, cifra necessaria per non registrare una minusvalenze, l’Inter lascerebbe andare Arnautovic.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessandro Guerra

Alessandro Guerra

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, classe 98, il mio sogno è scrivere e commentare riguardo i miei principali interessi: politica italiana ed estera, cinema e musica (hip-hop su tutti) e ovviamente trattare di sport, in particolare di calcio e di Inter. Il giocatore che mi ha fatto innamorare dei colori nerazzurri è Adriano l'Imperatore.View Author posts