Vai al contenuto

Bologna-Inter, le pagelle: Bisseck eroe di giornata, Sommer e Bastoni solite sicurezze

Sommer 6,5 Viene chiamato in causa da Ferguson nel primo tempo e da Zirkzee nella ripresa: entrambe le volte risponde presente e porta a casa l’ennesimo clean sheet stagionale. Sicurezza.

Bisseck 7 L’eroe di giornata: un gol di testa da centravanti di razza, in fase difensiva è attento e applicato. In crescita costante.

Acerbi 6+ Dirige senza troppi affanni la retroguardia, anche nell’ultima mezz’ora quando il Bologna aumenta la pressione. Calma olimpica.

Bastoni 7- L’assist per la rete decisiva è una pennellata secca e potente. Il centrocampo è affollato e i tre tenori nerazzurri faticano a trovare le imbucare giuste? Nessun problema, è lui a fungere da playmaker aggiunto. Perde un pallone sanguinoso in fase di disimpegno ma il Bologna lo grazia.

Darmian 6,5 Metà partita a destra, l’altra metà a sinistra ma il risultato non cambia: il coltellino svizzero di Inzaghi fornisce una prova di grande sostanza e con un cross pericoloso e un tiro da buona posizione si rende anche pericoloso in avanti. Solido.

Barella 6 Spreca un’occasione d’oro facendosi ribattere da Skorupski una conclusione a botta sicura. Ha il merito di non affondare mai ma è meno brillante del solito. Appannato.

Calhanoglu 6+ Rientra dall’infortunio dimostrando una buona condizione fisica. La regia è pulita e senza fronzoli, in fase di non possesso è pimpante. Recuperato.

Mkhitaryan 6+ L’atletismo del centrocampo di Motta non lo spaventa, gioca semplice e come sempre corre per due. Highlander.

Carlos Augusto 6 Parte fortissimo spingendo con continuità e mettendo in difficoltà Posch. Un suo tacco volante consente a Sanchez di calciare in porta. Nell’intervallo viene sostituito per un problema fisico che lo ha limitato nel finale di tempo. Sfortunato.

Thuram 6 Tanto lavoro per la squadra, non tira mai in porta ma merita la sufficienza perché il suo gioco di raccordo è fondamentale. Attaccante operaio.

Sanchez 6 L’approccio è buono, tanto che la prima conclusione del match è sua. Poi davanti di palloni giocabili ne arrivano pochini e lui si rende utile soprattutto pressando i difensori avversari.

 

Inzaghi 7 Uscire dal Dall’Ara con tre punti e zero gol subiti è un’impresa non da poco, anche perché la prestazione, complice il turnover in vista della sfida di Madrid, è stata poco brillante rispetto allo standard altissimo a cui l’Inter 2023/24 ha abituato i propri tifosi. Quella di oggi è la vittoria del gruppo e del suo leader in panchina.

 

Subentrati

dal 46′ Dumfries 6- Il suo impatto sulla destra è quasi nullo in fase di spinta, tiene botta quando deve ripiegare.

dal 61′ Frattesi 6+ Mezz’ora di lotta e di governo in una fase delicata del match.

dal 61′ Asllani 6 Quando viene buttato dentro la squadra ha perso il pallino del gioco, lui si adatta e fa legna davanti alla difesa.

dal 66′ Arnautovic 6 Tiene alta la squadra ogni volta che può. Si sbatte, non potendo fare molto altro.

dall’80’ Klaassen s.v. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vincenzo Corrado

Vincenzo Corrado

Giornalista professionista, scrittore e altre cose che andavano di moda prima dell'intelligenza artificiale. Caporedattore de Il NerazzurroView Author posts