Vai al contenuto

È l’ora di Buchanan: esordio contro la Fiorentina?

Tajon Buchanan, a Milano ormai dal 5 gennaio, non ha ancora fatto il suo esordio ufficiale in nerazzurro pur essendo stato convocato già tre volte. L’esterno si allena e scalpita, i tifosi lo aspettano, così Inzaghi potrebbe decidere di lanciarlo nel prossimo match di Serie A.

Dopo essere diventato il primo canadese nella storia del club, Buchanan non aspetta altro che entrare in campo e sfoggiare le doti che hanno spinto la società a prelevarlo dal Bruges per una cifra complessiva di circa 10 milioni di euro. Il ragazzo di Brampton ha osservato da spettatore in tribuna la vittoria al cardiopalma contro l’Hellas Verona, per poi sedersi ufficialmente in panchina nei successi contro Monza, Lazio e Napoli. Proprio a Riad il canadese ha vinto il suo terzo trofeo in carriera dopo l’MLS Supporters Shield nel 2021 con i New England Revolution e il campionato belga della scorsa stagione con la maglia del Bruges.

Buchanan: con la Fiorentina può essere la sua occasione

L’attesa per il suo esordio, ora, sembra sempre più sul punto di terminare, e già contro la Fiorentina l’esterno potrebbe salutare i suoi nuovi tifosi almeno a gara in corso. Il lavoro e l’impegno in allenamento sono stati apprezzati da Inzaghi e dai compagni, inoltre la sua esplosività offensiva e la sua velocità sono doti che torneranno molto utili al gioco nerazzurro nel corso della stagione, vista anche l’indisponibilità sulla fascia di Juan Cuadrado.

Se contro il Monza Buchanan era appena arrivato e in Supercoppa le circostanze tattiche hanno imposto al mister scelte differenti, nella prossima sfida di campionato pare proprio che il suo momento possa arrivare. Oltre ai tifosi, infatti, anche la dirigenza è ansiosa di osservare le prestazioni di un investimento importante di questo mercato di gennaio e di un interessantissimo prospetto per il futuro del club.

Tutti a Milano hanno fiducia in Simone Inzaghi e sanno che gestirà al meglio il nuovo arrivato sia per quanto riguarda l’integrazione con il gruppo, che ormai sembra a buon punto, sia per quanto riguarda la sua presenza in campo.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati