Vai al contenuto

Buchanan ha scelto la numero 17: i precedenti all’Inter non sono confortanti

Tajon Buchanan ha scelto: la sua avventura con la maglia nerazzurra si svolgerà con il numero 17 sulle spalle. Non un numero fortunato vista la proverbiale associazione alla sfortuna e in effetti i precedenti con questo numero non sono molto confortanti.

Dal 1995-96, con l’entrata in vigore della numerazione fissa, si sono susseguiti vari numeri 17 nella storia nerazzurra. Andiamo a scoprirli in ordine cronologico.

Il primo giocatore ad indossare la maglia n. 17 fu Salvatore Fresi, nella stagione 95-96, seguito successivamente da Francesco Moriero che la indossò nelle due stagioni dopo.

Il 17 è stato anche sulla schiena di una delle più grandi delusioni di mercato della storia nerazzurra. Infatti Francesco Coco lo fece suo nelle stagioni 2006-07 e 2007-08 in cui però il terzino siciliano non riuscì a disputare nemmeno una partita a causa di problemi extracampo.

Nel 2008-2009 la maglia fu indossata dal Trivela, Ricardo Quaresma. Giunto dal Porto per quasi 30 milioni di euro, il portoghese non riuscì mai a esprimere il suo enorme (va detto) talento, partendo in prestito al Chelsea dopo soli 6 mesi dal suo acquisto.

Nell’anno del Triplete il 17 fu la maglia di McDonald Mariga, primo Kenyota a giocare in Serie A. Gli ultimi in ordine cronologico a vestire la 17 sono stati Gary Medel (109 presenze e 1 gol, contro la Roma) nelle stagioni 2015-16 e 2016-17 e Yann Karamoh nella stagione 2017-2018, giovane Franco-ivoriano giunto a Milano con grandi aspettative ma che riuscì a segnare un solo gol, contro il Bologna, in 16 presenze durante quella stagione.

Ora tocca a Tajon Buchanan portare in alto la maglia numero 17, invertendo la rotta della sfortuna che questo numero sembra essersi portato dietro negli anni.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Andrea Tagliabue

Andrea Tagliabue

Sono Andrea, ho 24 anni e sono tifoso dell'Inter sin dalla nascita. La passione per il giornalismo sportivo è nata quando ero piccolo e da quando ho 15 anni sogno di lavorare nel settore sportivo. Sono un assiduo consumatore di tutto ciò che è calcio e non disdegno un'occhiata agli sport americani (basket, football, baseball, hockey su ghiaccio) e gli sport motoristici.View Author posts