Vai al contenuto

Bunker Lazio da superare: la nuova sfida per la ThuLa

Serve una serata in grande spolvero della coppia titolare Thuram Lautaro stasera per scardinare la difesa della Lazio, che in casa ha numeri di ferro. L’Inter di Inzaghi arriva a questa sfida con una consapevolezza e una stima diversa rispetto ai due precedenti scontri all’Olimpico, che ha visto la Lazio imporsi per ben due volte con il risultato di 3-1. I nerazzurri però arrivarono alla sfida con i biancocelesti con tante assenze, poche certezze e posizioni di classifica ben diverse da quella attuale. La squadra di Inzaghi, alla sua terza stagione sulla panchina nerazzurra, sembra aver acquisito una consapevolezza della propria forza, essendo in grado di gestire non più solo i ritmi all’interno della partita ma anche gestendo al meglio le energie nelle due competizioni. Da ricordare sempre la qualificazione agli ottavi, ottenuta con due giornate d’anticipo schierando di fatto una sola volta la formazione titolare nella sfida interna contro il Benfica, poi vinta 1-0 con gol di Thuram disputando un partita eccezionale.

Con la Lazio torna la coppia titolare

Tornando alla sfida di stasera, la coppia è chiamata a superare un’altro ostacolo: la difesa della Lazio che in casa si chiude e diventa ermetica. Come sottolinea la Gazzetta dello Sport, l’Inter si affida alla coppia da sogno “Perché Thuram e Lautaro sono il meglio che in questo momento si possa vedere nel nostro campionato”. Servirà la migliore Inter per dare il primo strappo al vertice del campionato. E servirà la vera ThuLa, la coppia fin qui regina della A con 20 reti complessive”.

La Lazio dal canto suo risponde, come già detto, con una difesa ermetica che ha subito solamente 4 gol in casa. La Gazzetta descrive cosi la prova che dovranno dare Lautaro e Thuram:“ThuLa è un crash test, di quelli veri, di quelli che misurano ambizioni e capacità di stare al passo con le grandi coppie d’Europa”.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Alessandro Guerra

Alessandro Guerra

Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali, classe 98, il mio sogno è scrivere e commentare riguardo i miei principali interessi: politica italiana ed estera, cinema e musica (hip-hop su tutti) e ovviamente trattare di sport, in particolare di calcio e di Inter. Il giocatore che mi ha fatto innamorare dei colori nerazzurri è Adriano l'Imperatore.View Author posts