Serie A il pagellone del mercato parte 3

Il pagellone del mercato: Milan e le altre

Il pagellone del mercato: Milan e le altre

Serie A il pagellone del mercato parte 3

 

Calciomercato

Milan:Già la scelta di prendere Giampaolo è il segnale di una rifondazione in corso. Boban e Maldini hanno voluto dare una sterzata, il Diavolo ha un’identità storica di calcio ben giocato, di costruzione, di dominio e deve perseguirla a tutti i costi. L’ex allenatore della Samp ha il difficile compito di battere questa strada. Sono andati via in tanti, da Cutrone a Bakayoko, da Andre Silva a Zapata, sono arrivati altrettanti giocatori. Certezze assolute poche, giovani di prospettiva tanti: Leão e Duarte su tutti. Rebic dovrà confermare quanto di buono fatto a Francoforte, allora sarà sì un grande colpo. Bene Bennacer che ha i crismi del grande giocatore. Krunic è una buona alternativa in mezzo. Ma qualcosa in più in uscita andava fatta e la sensazione è che nel complesso alla squadra manchi struttura ed esperienza. VOTO 6

Parma: Sull’impianto di una buona squadra (quella dello scorso anno) sono stati inseriti buoni giocatori come Hernani e Darmian. Più giovani interessanti come Karamoh, Kulusevski e Pezzella. Il riscatto di Inglese è fondamentale, con Gervinho forma una coppia di livello per una squadra che punta a salvarsi. L’obiettivo sembra alla portata, forse poteva essere preso un centrale di livello, perché Iacoponi e Alves non sono più dei giovanotti e un titolare aggiunto poteva servire. VOTO 6,5

Sampdoria: L’avvio è stato da incubo, Di Francesco deve lavorare tanto per dare ai suoi un’identità precisa. Poi c’è la querelle societaria che non aiuta. L’addio di Praet ha indebolito il centrocampo e Vieira per ora non sta ripagando la fiducia. Murillo non vale Andersen e Rigoni a Bergamo aveva fallito e ora dovrà cambiare la sua storia in Serie A. Maroni e Leris hanno talento, ma difficile pensarli come giocatori in grado di cambiare da subito la fisionomia della Samp. Quagliarella dovrà confermarsi su alti livelli e Gabbiadini diventare finalmente un valore aggiunto. Ma se non succedesse sarebbero dolori. Mercato deludente. VOTO 5

Sassuolo: Bene, il Sassuolo è tornato a fare le cose per bene. Caputo è costato tanto, considerando l’età, ma è un giocatore che può dare tanto, soprattutto con un allenatore come De Zerbi. Chiriches porta solidità ed esperienza dietro, mentre Muldur e Toljan sono giovani di prospettiva e talento. Colpo eccezionale aver ottenuto Traore in sinergia con la Juventus e l’aver riportato Obiang in Italia è stato intelligente. Le partenze di Demiral e Sensi peseranno, ma il mercato in entrata può sopperire ad addii tanto pesanti. VOTO 7

Spal: L’addio di Lazzari pesa, gli arrivi di Sala e D’Alessandro non sembrano abbastanza per rimpiazzare l’esterno veneto. Il riscatto di Petagna ha impegnato molte delle risorse a disposizione di Vagnati, mentre Di Francesco dovrà trovare continuità nel sistema di gioco di Semplici. Berisha in porta è un buon colpo e la conferma di Murgia è una notizia positiva. Ma la partenza di Bonifazi lascia una lacuna non colmata. VOTO 5,5

Torino: Lyanco e Bonifazi saranno pedine fondamentali per ringiovanire e dare nuovo spessore alla difesa. Con che testa rimane Nkoulou? Il quesito può spostare gli equilibri del reparto. Manca qualcosa in mezzo a livello numerico, ma soprattutto in termini di qualità; mentre in avanti l’arrivo di Verdi aggiunge tecnica e fantasia, ma forse va a coprire un ruolo che con Iago, Berenguer, Edera e Parigini era già coperto. VOTO 6

Udinese: Novità poche. La squadra è rimasta praticamente quella dello scorso anno. Jajalo in mezzo e Nestorovski in avanti non sembrano dare quel quid in più di cui aveva bisogno la rosa bianconera. Becao ha segnato con il Milan, ma andrà testato nel tempo. Si riparte dalle certezze come De Paul, Lasagna, Samir e Mandragora. Basterà per la salvezza? VOTO 5,5

Verona: Via Aglietti, autore del capolavoro promozione ai playoff e dentro Juric. La mano del croato dovrà dare un’impronta alla squadra e guidarla nella tortuosa strada verso la permanenza in Serie A. Bene gli arrivi di Veloso, Lazovic, Bocchetti e Rrahmani. L’impatto di Amrabat è stato finora positivo, ma il centrocampista dovrà confermarsi. Sul gong è arrivato Stepinski per dare peso a un attacco un po’ leggero. Bene la conferma di Zaccagni. Nel complesso il mercato è sufficiente. VOTO 6

Il Nerazzurro, l’unico vero quotidiano dei tifosi interisti!

Fonte FOX SPORTS

Print Friendly, PDF & Email