Vai al contenuto

Le cessioni di Agoumé e Sensi finanziano l’arrivo di un attaccante?

Un po’ di sofferenza tra i ranghi offensivi per i nerazzurri: nonostante in cima alla classifica dei capocannonieri del campionato ci sia Lautaro Martinez, è di appena 1 gol e 2 assist il bottino di Marko Arnautovic fino a questo punto della stagione (in un totale di 13 partite), mentre il cileno Alexis Sanchez è ancora a secco dopo 8 presenze di cui solamente una da titolare.

Per puntellare questo reparto e sfruttare qualche occasione sul mercato, Marotta e Ausilio pianificano di monetizzare con due partenze a centrocampo. I nomi da sacrificare sarebbero il già annunciato Lucien Agoumé (prestito al Siviglia con diritto di riscatto fissato a 8 milioni di euro) e l’ex neroverde Stefano Sensi. Il numero 5 dell’Inter potrebbe infatti lasciare Milano, dopo soli 65 minuti giocati e l’esclusione dalla lista UEFA, in direzione Leicester.

Le Foxes della corte di Maresca potrebbero spuntarla per il centrocampista italiano in scadenza a giugno per una cifra che si aggira intorno ai 2 milioni di euro: una trattativa sicuramente interessante sia per i primi nella classifica della Championship che auspicano un pronto ritorno in Premier League, sia per il giocatore che ritroverebbe finalmente minutaggio. I contatti tra i due club non sono ancora stati aperti ufficialmente, ma le sensazioni che provengono dall’asse Milano-Leicester sono piuttosto buone.

Per quanto riguarda i profili di un possibile acquisto in attacco sembra completamente sfumata la pista Martial, lusingato dalle sirene turche del Fenerbahce, mentre si fa caldo il nome di Luis Muriel, oltre a quello di Tahremi. Il colombiano è in scadenza di contratto con l’Atalanta il prossimo giugno, con i bergamaschi che potrebbero pensare di accettare l’offerta giusta ed evitare così di perderlo a zero, mentre continuano anche i contatti con il Porto per mettere sotto contratto l’attaccante 31enne iraniano e portarlo a Milano in estate.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati