Vai al contenuto

Champions League, Cancelo super trascina il Barça: 3-1 sul Napoli

Champions League: Barcellona-Napoli termina con la vittoria dei catalani per 3-1 al termine di una sfida che ha sempre dato l’impressione di essere equilibrata e combattuta. I partenopei prima vanno sotto di due reti (Fermin Lopez al 15’ e Cancelo al 17’), poi dimezzano lo svantaggio grazie all’inserimento di Rrahmani al 30’ ma alla fine subiscono il colpo del K.O. al minuto 83’ con la zampata vincente di Lewandowski.

Arriva, dunque, la prima sconfitta dell’era Calzona che costa cara agli azzurri: il 4-2 totale maturato tra andata e ritorno contro i Blaugrana vuol dire per il Napoli non solo eliminazione dalla Champions League ma anche dal Mondiale per Club del 2025, a cui parteciperà la Juventus occupando l’ultimo slot “italiano”. Tra i campioni che ieri sera hanno trascinato la squadra spagnola alla vittoria c’è un ex nerazzurro che si è messo particolarmente in risalto: Joao Cancelo.

Barcellona, l’uomo in più è Cancelo. Qualche rimpianto per l’Inter?

Joao Cancelo con le maglie di Inter e Barcellona

Il 22 agosto 2017 iniziava l’avventura in nerazzurro del terzino portoghese, arrivato dal Valencia in prestito con diritto di riscatto fissato a 35 milioni di euro. Cancelo esordisce quattro giorni dopo nel 3-1 contro la Roma e il 12 dicembre contro il Pordenone fa la sua prima apparizione anche in Coppa Italia. Il primo (ed unico) gol con la maglia dell’Inter arriva ad aprile, su calcio di punizione, nel match casalingo contro il Cagliari, ma il suo apporto rimane fondamentale per il resto della stagione in chiave qualificazione Champions. Al termine del prestito, comunque, il terzino deve lasciare Milano perché anche a causa di problemi economici la decisione dell’Inter è quella di non riscattare il giocatore.

Da quel momento il resto è storia: cessione a titolo definitivo per circa 40 milioni di euro alla Juventus, con la quale inanella una serie di ottime prestazioni che lo portano alla corte di Guardiola al Manchester City l’anno successivo in un’operazione da 65 milioni complessivi (28 più il cartellino di Danilo, valutato 37). Dopo i Citizens, con i quali Cancelo vince tre Premier League e due League Cup, il passaggio al Bayern Monaco in prestito (dove vince la Bundesliga) e infine al Barcellona.

Proprio tra le file blaugrana il portoghese ha realizzato il gol del doppio vantaggio che ha consentito agli spagnoli di qualificarsi ai quarti di Champions dopo 4 anni, facendo anche un favore alla “sua” Juventus che si guadagna l’accesso al Mondiale per Club. Chissà se, con il senno di poi, c’è qualche rimpianto per la decisione sul riscatto di Cancelo tra gli alti ranghi della Milano nerazzurra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Fabrizio Pettenati

Fabrizio Pettenati