Home Champions League Finale UEFA Champion League, Chelsea batte il Manchester City

Finale UEFA Champion League, Chelsea batte il Manchester City

Finale UEFA Champion League, Chelsea batte il Manchester City. Arriva la seconda vittoria dei Champions League di "Blues"

Finale UEFA Champion League, Chelsea batte il Manchester City

Arriva la seconda vittoria dei Champions League di “Blues”

Finale UEFA Champion League, Chelsea batte il Manchester City. Arriva la seconda vittoria dei Champions League di “Blues”

Chelsea ha conquistato il titolo di Champions League sabato dopo aver battuto il Manchester City 1-0 nella finale tutta inglese.

Un gol nel primo tempo dell’acquisto estivo di Kai Havertz, il giocatore più costoso nella storia del Chelsea, è stato sufficiente per far vincere la squadra di Thomas Tuchel davanti a migliaia di tifosi all’Estadio Dragao del Porto in Portogallo.
Nel frattempo, l’attesa del Manchester City per la gloria europea continua dopo aver fatto la sua prima finale nella competizione di questa stagione.
Il Chelsea, che ha vinto per l’ultima volta la Champions League nel 2012, è stato degno della vittoria dopo aver eseguito un piano di gioco perfetto ideato da Tuchel, che ha preso il posto della leggenda del club Frank Lampard a gennaio.
L’ex capo del Paris Saint-Germain, che ha perso contro il Bayern Monaco nella finale della scorsa stagione, è stato una figura animata per tutto il tempo, guidando i 16.500 tifosi presenti e esortando la sua squadra a una famosa vittoria.
“Loro (i giocatori) erano determinati a vincere questo. Volevamo essere una pietra nella loro scarpa (del Manchester City)”, ha detto un emotivo Tuchel a BT Sport dopo la partita.
“Abbiamo incoraggiato tutti a farsi avanti e ad uscire, ad essere più coraggiosi e creare pericolosi contrattacchi”.
Entrambe le squadre hanno avuto occasioni, ma è stato Havertz a mantenere la calma, agganciandosi a un meraviglioso passaggio filtrante di Mason Mount per aggirare il portiere e passare in rete poco prima dell’intervallo.
In verità, il Chelsea avrebbe potuto segnare di più. L’attaccante Timo Werner ha perso due gloriose opportunità nelle fasi iniziali e Christian Pulisic ha tirato fuori nel secondo tempo.
Nonostante abbia perso la sua occasione, Pulisic ha fatto la storia. Quando è stato sostituito da Werner nel secondo tempo, è diventato il primo maschio americano a giocare in una finale di Champions League ed è diventato anche il primo americano a vincere la Champions League.
Anche Edouard Mendy del Chelsea ha fatto la storia, diventando il primo portiere africano a giocare una finale di Champions League.
La porta inviolata di Mendy è la nona in 12 partite di Champions League in questa stagione, la più grande mai registrata in una singola stagione.
Il 22enne Mount, che è arrivato attraverso l’accademia del club, ha faticato a contenere le sue emozioni dopo il fischio finale.
“Per arrivare fino in fondo in Champions League. Abbiamo giocato contro squadre difficili. Siamo in una finale e l’abbiamo vinta”, ha detto a BT Sport. “È un’occasione così speciale. In questo momento, siamo la migliore squadra del mondo. Non puoi portarcelo via”.
Mentre il Chelsea festeggiava con i tifosi all’interno dello stadio, gruppi di tifosi si sono riuniti a Londra per vedere la propria squadra vincere per la seconda volta la più grande competizione del calcio europeo.
Fonte: CNN
Le immagini pubblicate su www.ilnerazzurro.it sono state reperite sul web e giudicate di pubblico dominio. Chiunque vanti diritti su di esse può contattarci per chiederne la rimozione.