Vai al contenuto

Chi è la famiglia saudita Al-Saud, interessata all’Inter: patrimonio da 100 miliardi

La famiglia reale saudita Al-Saud sembra essere interessata all’acquisto dell’Inter. Vediamo allora chi sono, cosa fanno e a quanto ammonta il loro patrimonio.

Sembra quasi certo ormai che l’Inter finirà nelle mani del fondo Oaktree dopo che Zhang non restituirà il prestito avuto 3 anni fa. Oaktree si è opposta alla scelta di Zhang di rifinanziare tramite il fondo Pimco e sta facendo muro. Quale sarà allora il futuro dell’Inter?

Dovesse passare tra le mani di Oaktree, il fondo prima o poi cederà l’Inter per monetizzare, visto che non ha alcun interesse ad una gestione diretta. Tra i vari nomi c’è chi porta in Arabia Saudita. L’acquirente interessato rientrerebbe nella cerchia della famiglia reale di Riad. Non si sta parlando quindi del fondo da 900 miliardi PIF, che in passato ha già investito nel calcio comprando il Newcastle, in Premier League e che si sarebbe tirato indietro. L’interesse sarebbe di un membro della dinastia regnante Al-Saud che ha il suo perno nel principe ereditario Mohammed bin Salman. Si parla di Al Waleed bin Talal Al Saud, miliardario, fondatore e proprietario di Kingdom Holding Company.

Chi sono gli Al-Saud: cosa fanno, patrimonio e figure principali

Coloro che vorrebbero acquistare l’Inter fanno parte della famiglia reale Al-Saud, nata nel 1744 con Muhammad Ibn Saud e regnante in Arabia Saudita dal 1926. Al momento a capo del paese troviamo il re Salman bin Abd al-Aziz Al Saud. La famiglia saudita è una delle più ricche al mondo e deve la sua ricchezza, principalmente, al monopolio del petrolio nella penisola arabica. Infatti la compagnia petrolifera statale Aramco è di proprietà di alcuni membri della royal family.

Il patrimonio in possesso degli Al-Saud è stimato in circa $100 miliardi ma, probabilmente, visti gli oltre 15.000 componenti del clan saudita, la ricchezza totale è molto più grande. Inoltre, molti membri della famiglia hanno sfruttato l’occasione per creare enti governativi e fondiari e imprese statali che hanno quotidianamente rapporti con l’estero.

Uno dei settori in cui la famiglia reale è interessata a investire è anche il calcio italiano. Ricordiamo infatti che in Arabia Saudita avranno sede le prossime edizioni della Supercoppa Italiana, dove i premi concessi sono molto elevati per gli standard del nostro paese. I sauditi stessi, qualche anno fa, tentarono l’acquisto di un’altra squadra italiana, la Juventus, ma trovarono opposizione da parte della famiglia Agnelli-Elkann. Un altro personaggio di spicco nella famiglia saudita è il principe ereditario Mohammed bin Salman Al-Saud, figlio di re Salman, che controlla personalmente beni per un valore di oltre 1 miliardo di dollari.

Se l’interesse per l’Inter è da parte di Al Waleed bin Talal Al Saud, nel suo caso si può dire che nel 2015 Forbes gli ha attribuito una ricchezza personale da 27 miliardi di dollari ed è considerato l’uomo più ricco dell’Arabia Saudita. Secondo Wikipedia, la Kingdom Holding Company, da lui fondata, è una delle holding più importanti al mondo in possesso di quote azionarie in colossi come:

  • Amazon
  • Apple
  • Boeingù
  • Coca Cola
  • Compaq
  • Disneyland Paris
  • eBay
  • Four Seasons Hotels & Resorts
  • Fininvest
  • Ford
  • Fox News
  • Gillette
  • Kodak
  • McDonald’s
  • PepsiCo
  • Procter & Gamble
  • Walt Disney

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Andrea Tagliabue

Andrea Tagliabue

Sono Andrea, ho 24 anni e sono tifoso dell'Inter sin dalla nascita. La passione per il giornalismo sportivo è nata quando ero piccolo e da quando ho 15 anni sogno di lavorare nel settore sportivo. Sono un assiduo consumatore di tutto ciò che è calcio e non disdegno un'occhiata agli sport americani (basket, football, baseball, hockey su ghiaccio) e gli sport motoristici.View Author posts