Vai al contenuto

Chi vincerà la Champions nei prossimi 80 anni secondo l’AI: per l’Inter tre vittorie

L’intelligenza artificiale ha stilato la lista delle prossime vincitrici della Champions League nel prossimo secolo fino al 2103.

Nella nuova edizione della Champions League, le sorprese sono all’ordine del giorno dove persino gli algoritmi offrono le loro previsioni sui possibili vincitori, basandosi esclusivamente su dati analitici senza considerare l’aspetto emotivo del mondo del pallone. Questo approccio di natura metodica cerca di fornire una prospettiva obiettiva, concentrandosi sulle prestazioni del passato e basando le proprie conclusioni solo ed esclusivamente sulle statistiche dei giocatori e altri fattori misurabili. Tuttavia, nel calcio, le variabili emotive come determinazione, passione e motivazione possono giocare un ruolo fondamentale nell’andamento e nel destino di una partita, pertanto, mentre gli algoritmi offrono si spunti interessanti su cui riflettere e provare ad abbozzare un esito, resta sempre la componente della sfida fatta di agonismo e voglia di vincere che rende il contesto calcistico tanto bello quanto assolutamente imprevedibile. 

Bizzarri pronostici

intelligenza-artificiale-pronostici-calcio

La prospettiva di vedere i nomi delle squadre potenzialmente vincitrici della Champions League fino al 2103, sebbene sia solo un gioco, suscita un certo impatto e un sorriso. Una recente ricerca apparsa sui social, coinvolgente l’intelligenza artificiale, ha previsto che otto delle prossime ottanta edizioni del torneo potrebbero essere vinte da squadre italiane. Questa prospettiva suscita interesse, poiché suggerisce una possibilità di successo per il calcio italiano nel lungo periodo. Tuttavia, è anche una specie di divinazione divertente, data la natura imprevedibile dello sport. Ciò solleva domande sulla validità di tali predizioni e sull’accuratezza dell’intelligenza artificiale nel contesto sportivo. L’idea che squadre non necessariamente tra le più ovvie possano emergere vittoriose aggiunge un elemento di incertezza e di fascino alla competizione.

Tra le previsioni compiute dall’intelligenza artificiale ve ne sono alcune piuttosto bizzarre per il calcio italiano: andando con ordine, la prima italiana a griffarsi del titolo di Campione d’Europa sarà il Milan, nella stagione 2029-2030, che verrà seguito sei stagioni più tardi dalla prima affermazione in campo europeo della Roma, nell’annata 2035-2036. Curioso come l’intelligenza artificiale abbia assegnato le prime due vittorie del calcio italiano in Europa alle due pretendenti per la semifinale di Europa League di quest’anno. Tris consecutivo dell’Atletico Madrid, vittorie di Liverpool e Barcellona, affermazione a sorpresa del Wolverhampton precederanno il ritorno al top di una italiana e questa volta sarà l’Inter ad alare al cielo la coppa dalle grandi orecchie nell’annata 2043-2044 che precederà la doppia affermazione consecutiva della Juventus nel 2047 e 2048. La Champions League, come accaduto per Inter e Milan, prenderà casa anche nella Torino granata; si, perché nel 2052 sarà l’altra protagonista del Derby della Mole a trionfare: il Torino.

Il periodo d’oro che dovrebbe, a detta dell’IA, portare il calcio italiano nel prossimo secolo a vincere otto delle ottanta edizioni da qui al 2100, si chiuderà con una doppia affermazione ancora di una squadra meneghina. Secondo i calcoli, l’Inter uscirà vincitrice dalle edizioni 2073 e 2101, arrivando a tallonare i cugini rossoneri nella speciale classifica del palmares europeo che vedrebbe il Diavolo arrivare a 8 successi e la Beneamata a 7. L’Inter perciò, tra le squadre italiane indicate come possibili vincitrici del trofeo più importante per Club europei, risulterebbe la società italiana che conquisterà più volte il titolo di Campione d’Europa negli anni, sebbene la previsione abbracci un periodo molto distante e pieno di incertezze. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Gianmarco Vella

Gianmarco Vella