Dammi solo un minuto, un attimo ancora…

E vada per un minuto, ma non di più!

La tentazione è di andarsene. Troppa gente e il rischio concreto di impiegare almeno un’ora per far rientro a casa.

Fermata della metro chiusa, ingorghi sicuri, molti che si stanno alzando ed anticipano il fischio finale, meglio sgattaiolare, tanto una sbirciata la si dà lo stesso, mentre si scendono i gradoni.

Ma no dai restiamo, ancora un calcio d’angolo e chissà mai che.. No dai anche quelli davanti stanno sgombrando e poi da qui in mezzo è dura arrivare all’uscita, meglio iniziare ad avviarsi.

Almeno giù di una fila.

No, però, ancora un minuto, solo uno, se ci si alza si arriva lì e poi non si vede più la porta e allora o si resta o si va via. Stare nella terra di nessuno non serve a niente

Ma si dai ancora un minuto, l’ultima azione tanto è il novantesimo. Quanto sarà il recupero? Quattro minuti. Loro fanno un cambio ormai è finita, perdono tempo.

Gli è andata bene sino adesso , non hanno fatto un tiro in porta e perdono tempo; certo portano a casa un punto e noi supremazia di gioco e di occasioni, ma niente in tasca.

Basta andiamo. Però dai in passato è già successo, dammi solo un minuto; Tottenham, Sampdoria… un minuto ancora poi parola che si va via.

Sarà la tensione ma la fame si fa sentire e il pizzaiolo chiude alle 23, non è possibile tardare oltre, a casa poi non c’è nulla di pronto; dai via, si va.

No resto, si sono bloccati tutti sulla scala tanto vale rimanere, sono tutti in piedi, nessuno è più seduto.

E poi c’è Vecino sulla fascia magari la butta in mezzo e …. Oddio l’ha messa e come l’ha messa!

Ma Donnarumma che fa? Esce a farfalle, lui si che è nella terra di nessuno. E quell’’altro rossonero che sviene in area e dietro chi c’è? C’è Icardi che la mette dentro.

E’ gol, è il novantaduesimo ed è il derby.

D’un tratto è una bolgia, un delirio e ci si trova catapultati verso le balaustre. In un secondo si arriva là dove prima ci volevano cinque minuti. E’ finita, e chi non salta? Chi non salta è rossonero !

Ma non dovevi andare via? E gli ingorghi,la fame, la pizza ?

Sai che c’è vai tu.. io resto ancora.

Amala!

Print Friendly, PDF & Email