L’immobilismo è solo apparente: il 1° luglio Zhang aprirà la cassaforte

FPF, 30 giugno D-Day.

L’immobilismo è solo apparente: il 1° luglio Zhang aprirà la cassaforte

FPF, 30 giugno D-Day.

L’obiettivo del pareggio di bilancio entro il 30 giugno sta condizionando evidentemente il mercato in entrata, ma era tutto ampiamente previsto. Nessuna sorpresa. “Il 26 giugno è fissato il cda del club. A Milano è già tornato l’ad Liu Jun, mentre il patron di Suning Jindong Zhang sarà collegato dalla Cina. L’Inter è un po’ come una ricca banca, con una cassaforte piena che però si aprirà solo il 1° luglio”, sottolinea il Corriere della Sera. Insomma, ancora pochi giorni e poi anche i nerazzurri potranno iniziare a raccogliere i frutti del lavoro svolto nell’ombra. “L’immobilismo è solo apparente – conferma il Corsera -. A sbilanciare i conti sono state le ultime due sessioni di mercato: con uscite per 130 milioni. Comprare è facile, complicato è vendere. L’Inter è fiduciosa di riuscire a centrare il pareggio di bilancio o al massimo di sforare di poco e cavarsela con una multa dell’Uefa. La battaglia contro il tempo non è persa, ma per l’Inter è un altro finale di stagione da brividi”.

{loadposition EDintorni}

Print Friendly, PDF & Email