Thohir, Moratti ed i cinesi, situazione criptica?

Una situazione sicuramente criptica, che potrebbe avere un finale poco a sorpresa…o il finale è già stato scritto?
 
 
Thohir dichiara che costruirà una squadra fortissima… in quale parte dell’Europa? Moratti è perentorio: non ho mai pensato ad un mio ritorno… ed i cinesi? Sorridono, ma non dicono una parola, in realtà si mormora che abbiano già concluso la prima parte dell’operazione, qualcuno azzarda che il 30% del pacchetto azionario dell’Inter sia già nelle mani del “Suning” – 6,3/6,5 da Moratti ed il resto da Thohir che  nel giro di uno – due anni dovrebbe lasciare l’Inter.  Moratti potrebbe essere pronto a tornare, probabilmente non direttamente, ma a mezzo persona di massima fiducia… Secondo autorevoli rumors la situazione dovrebbe quindi essere meno intricata di quanto non appaia.
Il Presidente indonesiano sembrerebbe la parte più debole: il suo progetto triennale di una società autofinanziata difficilmente centrerà l’obiettivo nel termine fissato del novembre 2016. La situazione finanziaria dell’Inter è indubbiamente pesante, va considerato il debito consolidato di oltre 400 milioni destinato fisiologicamente ad aumentare entro il fatidico “novebre 2016”. Il maxifinanziamento da 230 milioni erogato nel 2014 da Unicredit con operazione costruita da Goldman Sachs pesa come un macigno sulle spalle del club nerazzurro, che dovrà ripagare versando in 5 anni (2015 – 2019) 46 milioni di Euro rateizzati, fino alla maxi rata finale da 184 milioni fissata per il giugno del 2019, pare che il “Suning” non ne faccia un dramma… Un punto non ancora definito sarebbe il prestito di 108 mln  effettuato dall’indonesiano al’Inter, con ottima remunerazione del capitale, ma per il Suning è problema secondario.
Quindi l’accordo per l’ingresso in società del colosso cinese Suning Commerce Group, dovrebbe ormai essere fatto ormai certo, anche se allo stato dell’arte sono trapelate solo indiscrezioni più o meno affidabili sui dettagli, la finalizazione dell’operazione potrebbe essere questione di mesi, non pochi, oppure essere concretizarsi in diversi momenti entro un biennio. 
Mancini? Avremo tempo di parlarne… certo è che non ha centrato l’agognato risultato sportivo della qualificazione almeno al preliminare di champions… Ma la sua mission era proprio quella? I boomakers, che sono aziende stracolme di liquidità, molto informate ed astute, avevano previsto che l’Inter non avrebbe raggiunto la qualificazione “Champions”, è gente che difficilmente sbaglia… E allora qale sarebbe stata la mission di Mancini? Forse un quacosa più orientato all’area aziendale: la valorizzazione della rosa… il piano “B” di Erick Thohir per rimanere a galla?
 
Rifinanziarsi vendendo: il portiere ha mantenuto una buona valutazione. Brozovic, per il quale sono in arrivo 2 offerte in questa settimana dal Borussia Dortmund e dall’Arsenal ha valutazione paurosamente lievitata. “Kondo” sta mantenendo la posizione e non dovrebbe essere un problema rivenderlo a prezzo di acquisto. La valutazione di Medel è stazionaria come quella di Melo. Biabiany ha sicuramente incrementato il suo valore di uomo per il mercato. Parliamo di Icardi? Non dovrebbe esserci bisogno… Perisic? Valutazione mantenuta, forse leggermente aumentata. Il flop è sicuramente su Jovetic, fatto peraltro prevedible fin dal primo giorno, ma ampiamente previsto…Miranda, non sarà ceduto… Mancini ha fallito oppure ha centrato la sua mission? Giudicate voi!  
 
Per il momento dovremmo essere a questo punto del deal, ci sarebbero altre notizie, ma sono necessarie ulteriori verifiche delle informazioni…
 
Stay tuned!