UCL Barcellona – Inter 2 – 0, difficilissimo uscire indenni dal Camp Nou

Una domanda: in quante partite il Barcellona ha lasciato punti al Camp Nou negli ultimi  anni?

La risposta è molto facile… 25 vittorie e due pareggi nelle ultime 27 partite giocate dai blaugrana nella massima competizione europea.

Una ragione ci sarà? Oppure è solo frutto del caso? Allarghiamo l’obiettivo?

Al Camp Nou il Barcellona non perde in assoluto dal 13 agosto 2017 (poi 34 partite senza sconfitte tra Liga, Copa del Rey e Champions).

Per quanto riguarda la sola Champions League l’imbattibilità casalinga va avanti dal 1° maggio 2013: quella sera arrivò uno 0-3 contro il Bayern in semifinale, poi ci sono state 25 vittorie e appena due pareggi.

Un ultimo dato: il solo Gerard Piquet ha disputato in champions 106 gare, ebbene la somma di tutte le presenze in UCL di tutti i giocatori dell’Inter in campo ieri sera non arriva al numero di presenze del giocatore blaugrana.

Last but not least, l’Inter non giocava ormai da anni nella competizione.

Ma l’Inter sta crescendo!

Grazie a Zhang Jindong ed al management di Suning Group sta uscendo da una situazione paradossale iniziata con l’avvento di Massimo Moratti al vertice della società e terminata con la presidenza di Erik Thohir, al momento della cessione del pacchetto azionario di controllo della società a Suning Group.

Una situazione paradossale incatenata poi al fondale delle sabbie mobili, dall’introduzione del FPF da parte dell’UEFA.

Ci sembra inutile ripercorrere quegli anni tremendi, noi desideriamo guardare avanti, pensare al futuro…

Anche Zhang all’inizio ha commesso qualche errore, gli esempi di Joao Mario e Gabigol sono i più eclatanti…

Fortunatamente hanno immediatamente cambiato strategia di intervento: primo obiettivo la sistemazione dei bilanci e la sistemazione delle varie situazioni debitorie dell’Inter e l’implementazione del processo di aziendalizzazione del club.

La sistemazione dei rapporti con l’UEFA nei tempi a suo tempo concordati da Thohir con la firma del settlement agreement.

Sono passati attraverso momenti molto duri ed impopolari con i tifosi che si attendevano l’acquisto di top players, che volevano la grande squadra… etc.

Hanno subito con la proverbiale pazienza cinese i poco lusinghieri commenti della stampa, dei tifosi e dei tifosi delle altre squadre.

Zhang avrebbe potuto coprire le passività del club schioccando le dita, avrebbe avuto la possibilità di sottoscrivere un aumento di capitale da capogiro, purtroppo non era possibile.

La prima ragione arriva ovviamente dal FPF UEFA, la seconda da una clausola contrattuale ottenuta da Thohir al momento della cessione: qualsiasi aumento di capitale avrebbe potuto essere fatto solo con l’accordo dell’azionista di minoranza – Thohir stesso -.

E’ stata convocata per domani l’Assemblea dei Soci ed all’Ordine del giorno è prevista l’approvazione del bilancio di esercizio al 30 giugno 2018 che, secondo i dati diffusi, si è chiuso con un passivo molto leggero, ca. 18mln di Euro e statuisce che sono stati rispettati tutti i parametri previsti dal FPF UEFA.

Le informazioni trapelate lasciano intendere che Suning acquisterà da Thohir il pacchetto azionario ad oggi in suo possesso, rappresentativo del 31% del totale del capitale sociale e, sempre secondo le informazioni diffuse l’Inter avrà un nuovo presidente.

Nel frattempo, nonostante le difficoltà derivanti dal FPF, l’Inter è riuscita a costruire una squadra che lo scorso anno, dopo 6 stagioni di purgatorio, ha conquistato il diritto alla partecipazione della Champions League in questa stagione e, nonostante la sconfitta di ieri a Barcellona ha concrete possibilità di passare la fase a gironi e di posizionarsi tra le prime 16 squadre d’Europa.

Il management della società è continuamente al lavoro per migliorare il processo di aziendalizzazione del club, la crescita delle componenti positive del reddito ed ovviamente tutte le componenti virtuose sia dal punto di vista economico-finanziario che dal punto di vista della sempre maggior competitività della squadra.

Noi stiamo toccando con mano e vedendo con i nostri occhi tutto quanto descritto e riteniamo di avere la ragionevole certezza che Suning Group abbia lavorato bene e che queste linee aziendali riporteranno il club ai livelli che gli competono per blasone.

L’Inter sta crescendo!

Amatela

Print Friendly, PDF & Email