Zio Zhang ed il Financial Fair Play

Suning ed il FPF Timori, malumori e dubbi…

Zio Zhang ed il Financial Fair Play

Suning ed il FPF Timori, malumori e dubbi…

Leggendo qua e là nei gruppi interisti su FB, tra commenti dei tifosi nei gruppi di discussione, ascoltando i loro interventi in dirette TV, o nelle “lettere al giornale”, constatiamo che tra di loro gravita un certo malumore per la apparente “staticitá” della societá nerazzurra nei movimenti di mercato dei giocatori. Niente di più sbagliato e ingiusto!

Nei recenti colloqui con alcuni addetti ai lavori abbiamo potuto approfondire come alla base di questo atteggiamento, apparentemente desolante, ci sia piuttosto la chiara strategia di Zhang per rientrare degli ormai famosi 30 milioni a bilancio entro la data prevista, per poi partire ad apertura mercato con una campagna di rafforzamento degna della storia del club, che dovrebbe nelle premesse far strabuzzare gli occhi anche ai tifosi piú scettici e agli occasionali gufi di altre realtá calcistiche. Certo abituati per anni a far uscire dall’interno i propri affari, questa volta all’Inter si é cambiata la rotta, vige lo stato di segretezza.

Questo nuovo approccio ha confuso i propri sostenitori, e spiazzato l’orda mediatica alla quale é rimasta in mano solo la possibilitá di inventarsi piú di 90 trattative in 25 giorni. Come potranno riuscire in tutto questo? È la sacrosanta domanda che in molti si chiedono. Vediamo di fare chiarezza sulle operazioni di questi ultimi giorni, riportate da molte testate giornalistiche, e che a molti possono essere sembrate incoerenti o peggio autolesionistiche. I nomi sul tavolo di protagonisti esclusi o secondari al progetto Inter per la nuova stagione, sono rappresentativi di una fase iniziale e nel contempo sono le chiavi di apertura del ricchissimo forziere destinato all’Inter da “zio” Jindong Zhang per luglio e agosto.

Sulle sorti delle operazioni di Ausilio e co. pendono da anni gli ostracismi della “signora” che governa il calcio italiano e delle sue consociate, per concludere con il caporalato delle minori ed altre ancora. Ma da qualche mese le cose stanno cambiando, gli accordi commerciali della proprietá Inter con i padroni di alcune società ed altre ne verranno, stanno iniziando a spostare gli equilibri politici del calcio italico.

Questo fatto sta di fatto insinuando preoccupazioni al regime sabaudo, consapevole della forza dei cannoni cinesi di versante Inter. Ecco quindi che tradotto in termini di compravendite, Sabatini potrà permettersi di muoversi a più ampio respiro in operazioni di entrata ed uscita, sempre ovviamente nei limiti concessi dall’UEFA. La musica aumenterà ritmo e volume già in questa stagione… Tutto questo ci fornisce una visione piú logica dei “lavori in corso”, ma il bello deve ancora venire. Le operazioni condotte da Sabatini metteranno a disposizione di Spalletti, un top player, altri due campioni, e almeno altri due calciatori di caratura adatta a perseguire l’obiettivo del ritorno in Champions. Quali saranno i nomi? Beh, il sogno continua, ci confronteremo durante la via dal prossimo primo luglio 2017.

{loadposition EDintorni}

Print Friendly, PDF & Email