Vai al contenuto

I fratelli Esposito contro in Samp-Spezia

Quello andato in scena nella serata di ieri, venerdì 24 Novembre, non è stato un semplice derby ligure tra Sampdoria e Spezia. La partita, terminata con il punteggio di 2-1 in favore dei padroni di casa, è stata un derby nel derby per la famiglia Esposito. Infatti sono scesi in campo contemporaneamente i tre fratelli Esposito, tutti usciti dal settore giovanile dell’Inter.

Sebastiano, classe 2002, è sceso in campo con la maglia della Sampdoria, mentre Salvatore e Pio, rispettivamente classe 2000 e 2005, con la maglia dello Spezia.

Il cartellino di Sebastiano e Francesco Pio è ancora di proprietà dei nerazzurri, mentre quello di Salvatore non appartiene più alla squadra che lo ha lanciato tra i grandi.

Era da ben 35 anni che tre fratelli non si ritrovavano in campo nella stessa partita. Gli ultimi erano stati Luca, Stefano e Davide Pellegrino, con il primo militante nella Samp (come stavolta) e gli altri nella Fiorentina.

La partita

E’ stata una partita divertente, giocata su buoni ritmi e piena di episodi quella giocata tra Sampdoria e Spezia. Tante occasioni e diversi episodi arbitrali dubbi. A fine primo tempo è stato addirittura espulso Andrea Pirlo per proteste.

L’inizio è subito divertente e al minuto 11 ci pensa Fabio Depaoli a sbloccare il derby, su suggerimento di Fabio Borini. Non si fa attendere molto la risposta dello Spezia, che trova il pareggio su tap-in di Kouda, più veloce di tutti ad arrivare sul pallone precedentemente respinto dalla traversa. Nel secondo tempo i padroni di casa trovano il goal del definitivo sorpasso, ancora con Depaoli, che firma la sua doppietta e raggiunge quota 3 goal in campionato. La Samp strappa la sua terza vittoria consecutiva in Serie B dopo un inizio difficile.

Le prestazioni dei fratelli

Sebastiano e Salvatore sono partiti titolari per le proprie squadre, Pio invece è partito dalla panchina, scendendo in campo solo al 67′.

Sebastiano ha creato diversi grattacapi alla difesa avversaria con una serie di giocate di alta scuola. Al minuto 28, dopo aver controllato un pallone vagante all’interno dell’area, ha colpito una clamorosa traversa con un pregevole tiro al volo. In seguito si è messo in evidenza con una sponda intelligentissima di testa per Borini che, solo davanti a Dragowski, ha sparato sul palo.

Salvatore è stato protagonista di una prestazione solida. Ormai è un veterano della squadra e conosce la Serie B come le sue tasche: assolutamente un fuori categoria per la Cadetteria. Ha sfiorato il goal su calcio di punizione da posizione defilata grazie ad un tiro-cross che stava per cogliere di sorpresa Filip Stankovic, altro giocatore di proprietà dell’Inter e figlio di Dejan.

Per Pio invece pochi palloni toccati nei 23 minuti più recupero giocati e nessuna occasione per farsi vedere. Il baby bomber ha già messo a segno 2 goal in questo campionato e l’Inter ne monitora costantemente la crescita, in quanto lo ritiene un profilo che potrebbe diventare da Inter in futuro. Per lui lo scorso anno sono stati ben 15 i goal nel campionato Primavera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Luca Arcangeli

Luca Arcangeli