Vai al contenuto

Il 16 Maggio del 2004 la sua ultima partita, a San Siro. Il ricordo nerazzurro di Roberto Baggio

Il 16 maggio 2004, Roberto Baggio ha giocato la sua ultima partita da calciatore professionista, a San Siro, con la maglia del Brescia.

Uno dei giocatori italiani più amati, il 16 maggio del 2004, vale a dire 20 anni fa, ha giocato il suo ultimo match: stiamo parlando di Roberto Baggio, uno dei numeri 10 più iconici della storia del calcio nostrano. Per lui, addio in grande stile: stadio San Siro, in casa del Milan che festeggiava la vittoria dello Scudetto, e lui con la maglia del Brescia, club al quale ha dedicato le ultime quattro stagioni della sua carriera. Uscito al 39esimo del primo tempo, gli spettatori di San Siro lo omaggiano con un lungo applauso.

Vincitore del Pallone d’Oro nel 1993, quando giocava con la maglia della Juventus, Baggio ha sempre incantato i suoi tifosi con grandi prestazioni. A limitarlo, i tanti gravi problemi fisici: poco prima del suo esordio in Serie A, partirono crociato anteriore, capsula, menisco e collaterale della gamba destra, che lo hanno tenuto fuori dal campo per quasi due anni.

Un inizio di carriera complicatissimo, ma Baggio non si è arreso ed ha militato nelle più grandi del nostro campionato: Milan, Inter e Juventus, dopo aver iniziato la carriera nella Fiorentina, per poi chiuderla con il Brescia.

Proprio in maglia nerazzurra, Baggio ha disputato una delle partite che resteranno per sempre nella memoria dei tifosi: durante i gironi di Champions League, il 25 novembre 1998, l’Inter affronta a San Siro il Real Madrid. I nerazzurri vivono una stagione complicata, chiusa all’ottavo posto in classifica e con ben 4 cambi allenatore. In quel match, in panchina, c’è Luigi Simoni, che schiera l’attacco composto da Ronaldo e Zamorano, autore del primo gol interista. Proprio quest’ultimo lascerà il campo al “Divin Codino”, sul risultato di 1-1. Da quel momento il protagonista del match diventò proprio Baggio che, con una storica doppietta, fece esplodere tutto lo stadio. Fu probabilmente questo il momento più alto della non felice esperienza di Baggio in nerazzurro, durata appena due stagioni.

Durante la sua carriera, Baggio ha giocato con i club 604 partite, segnando 277 gol e facendo 152 assist. Mentre con la Nazionale, ha disputato 56 match, con 27 gol e 14 assist. La sua esperienza in maglia azzurra però è stata macchiata da quel rigore sbagliato a Pasadena, nei Mondiali di Usa 1994, in finale contro il Brasile: una macchia che non riuscirà mai a togliersi dalla testa, ma che nulla tolgono a un grande giocatore come lui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Emanuele Di Vitto

Emanuele Di Vitto