Vai al contenuto

In Francia tutti contro Correa: “0 gol e 0 assist”. Ma l’Inter spera nel riscatto obbligatorio

L’Inter sta preparando le prime mosse per la campagna di rafforzamento della squadra per la prossima stagione in cui aumenteranno gli impegni in Champions League e con la suggestiva rassegna del Mondiale per Club negli Stati Uniti in estate. A fine stagione la dirigenza nerazzurra tirerà le somme anche in base a quanto visto durante l’attuale annata in corso non solo per coloro che fanno parte attivamente della rosa nerazzurra ma anche verso quei giocatori lontani dalla Pinetina ma di proprietà della società di Viale della Liberazione.

Per lo più si tratta di giocatori giovani e di prospettiva mandati a farsi le ossa nelle categorie minori o in squadre di Serie A in cui potersi mettere in mostra ma a voler ben guardare c’è un giocatore che l’Inter ha spedito in Francia nella speranza che potesse ritagliarsi un ruolo importante e ritornare ai livelli mostrati al debutto con la maglia nerazzurra, ma che finora ha raccolto poco o niente

Un riscatto improbabile

joaquin-correa-marsiglia

La pazienza dei tifosi dell’Olympique Marsiglia è stata messa a dura prova in questa stagione turbolenta, caratterizzata da ben quattro cambi di allenatore fino a questo momento. I giocatori che hanno deluso maggiormente durante questa campagna sono diventati il bersaglio delle critiche, con Joaquin Correa, attaccante argentino in prestito dall’Inter, al centro dell’attenzione.

La polemica riguarda il rendimento del giocatore sin da quando è sbarcato in Costa Azzurra. Nonostante un minutaggio complessivo di 565 minuti, accumulato in 15 presenze, non è riuscito a lasciare il segno: zero gol e zero assist per un giocatore andato vicino alla convocazione per la gloriosa spedizione dell’Argentina campione del mondo in Qatar nell’inverno 2022. La mancanza di feeling con lo stadio Velodrome è aggravata dal fatto che il Tucu è uno dei giocatori più pagati della squadra, con uno stipendio di 450 mila euro al mese, in linea con altri ex giocatori di Serie A come Kondogbia e Veretout, e secondo solo ad Aubameyang.

L’accordo con l’Inter, che ha ceduto Correa all’Olympique Marsiglia in prestito con diritto di riscatto, prevede la possibilità di acquisto da parte della società del presidente Pablo Longoria dell’ex giocatore della Lazio per 13 milioni di euro. L’alternanza di allenatori sulla panchina della squadra francese non ha mai permesso a Correa di giocare con continuità, né in Ligue1 né in Europa League (20′ giocati in Francia e solo 1′ in Europa) e nemmeno l’arrivo del nuovo tecnico Gasset è servito per dare una svolta alla sua stagione, con le prestazioni e la considerazione guadagnata dal Tucu che fanno pendere l’ago della bilancia verso il mancato riscatto. Tuttavia, a determinate condizioni, il trasferimento definitivo potrebbe chiudersi Il prestito concordato prevede il trasformarsi in obbligo di riscatto in caso di qualificazione del Marsiglia alla prossima Champions League. In tal caso, il costo si ridurrebbe a 10 milioni più 2 di bonus.

L’OM nell’ultimo mese ha fatto registrare una serie di 5 vittorie consecutive, arrivata dopo un digiuno di vittorie che durava da dicembre e che ha visto la squadra uscire anche dalla Coppa di Francia e che è stata interrotta nell’ultimo turno dalla sconfitta per 2-0 sul campo del Rennes. In Europa, il trend vede il Marsiglia qualificato ai quarti di finale di Europa League nella doppia sfida al Benfica dove in caso di passaggio del turno, troverà in semifinale la vincitrice dell’Euroderby italiano tra Milan e Roma. Nonostante occupi attualmente il settimo posto in classifica, il Marsiglia è a soli 4 punti dal quarto posto che garantisce l’accesso ai preliminari di Champions League, occupato da Nizza e Lille, con l’accesso diretto alla fase a gironi distante sette punti, con il Monaco in testa alla graduatoria delle pretendenti con 46 punti. Il riscatto di Correa dipende quindi dal resto della stagione del Marsiglia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Gianmarco Vella

Gianmarco Vella