Vai al contenuto

Inter-Empoli a Pasquetta: orario e dove vederla in tv e streaming

Inter-Empoli a Pasquetta. Inter ed Empoli chiuderanno la 30a giornata di Serie A: ecco le probabili formazioni e dove vedere il match in tv e streaming. I nerazzurri, dopo il pareggio in casa contro il Napoli nell’ultimo match prima della sosta per le nazionali, vogliono tornare a vincere, cercando di non perdere altri punti sul Milan secondo in classifica. Simone Inzaghi è pronto a schierare la miglior formazione possibile, considerando che ora l’Inter non avrà più il doppio impegno europeo, e quindi può concentrarsi solo sul campionato.

Mentre i toscani allenati da Davide Nicola, dopo un’ottima serie di risultati ottenuti dal suo arrivo, nelle ultime giornate hanno un pò rallentato, collezionando tre sconfitte consecutive, sempre con il risultato di 1-0. Sarà quindi una partita decisamente complicata per l’Inter, che non dovrà sottovalutare un avversario che non ha ottenuti punti ultimamente, ma ha sempre messo in difficoltà gli avversari.

Inter-Empoli a Pasquetta: dove vederla in tv

hakan calhanoglu inter juventus

La partita si giocherà lunedì 1 aprile, nel giorno di Pasquetta, alle ore 20.45, e sarà trasmessa in diretta e in esclusiva da Dazn, con l’app disponibile su Smart tv, smartphone, tablet, pc e console. Sarà possibile vederla anche su Sky, attraverso il canale Zona Dazn, ed anche in questo caso sarà necessario l’abbonamento adatto.

Mentre per quanto riguarda le probabili formazioni, Inzaghi dovrà fare i conti con l’assenza certa di De Vrij. Sommer dopo l’infortunio in nazionale resta in dubbio così come Acerbi che è in attesa della decisione del giudice sportivo. Si scaldano nel caso Audero mentre al centro della difesa provati Bastoni e Bisseck.

Inter (3-5-2): Sommer (Audero); Pavard, Acerbi (Bisseck), Bastoni; Darmian, Barella, Calhanoglu, Mkhitaryan, Dimarco; Thuram, Lautaro Martinez.

Empoli (4-3-2-1): Caprile; Bereszynski, Walukiewicz, Luperto, Pezzella; Marin, Fazzini, Zurkowski; Gyasi, Cambiaghi; Niang.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Emanuele Di Vitto

Emanuele Di Vitto