Vai al contenuto

Inter grande con le grandi: i numeri sono quasi perfetti

Inter grande con le grandi. Dopo le due sfide contro Lazio e Napoli per aggiudicarsi la Supercoppa e il ritorno in serie A vittorioso sulla Fiorentina di Vincenzo Italiano, l’Inter si è dimostrata un caterpillar contro le grandi squadre del nostro campionato. A guardare i numeri, è proprio nei big match che i nerazzurri danno il meglio di sé.

Che sia una vittoria netta, roboante e con un calcio spumeggiante come lo è stato il derby vinto per 5-1 o lo 0-3 al Maradona, oppure una gara sporca e sofferta, come abbiamo visto domenica sera al Franchi o in finale di Supercoppa contro il Napoli, l’Inter si esalta contro rivali complicate e, con grande maturità, sa adattarsi all’avversario e al momento per ottenere il massimo risultato possibile.

Inter grande con le grandi: i numeri

Se ci concentriamo ad osservare la classifica, i risultati contro le prime 7 dicono che l’Inter è imbattuta con 6 vittorie e solo un pareggio, contro la Juventus. Sono 16 i gol fatti dai nerazzurri a fronte dei soli 3 subiti. Se poi estendiamo la classifica fino al Napoli, ora nono in classifica ma senza alcun dubbio una grande squadra del nostro campionato, i numeri si fanno ancora più impressionanti: includendo il Bologna, a sorpresa all’ottavo posto, sono 6 vittorie interiste e soli due pareggi, con 18 gol fatti e 5 subiti per un totale di 20 punti ottenuti sui 24 disponibili.

Sono statistiche da grande squadra quelli che l’Inter ha ottenuto in questo percorso di campionato che davvero rasenta la perfezione; l’unica big contro cui ancora non ci è imposti completamente è la Juventus, per cui domenica sarà necessario confermarsi e provare a spingersi oltre.

La Juventus è la pietra d’inciampo di una super-Inter

Nel girone d’andata, che l’Inter ha chiuso meritatamente al primo posto, non c’è stata una big che sia uscita indenne dallo scontro con i nerazzurri: che giocasse tra le mura amiche o in trasferta (dove ha vinto la maggior parte degli scontri diretti) l’Inter ha sempre ottenuto i 3 punti. Ha saputo soffrire a Bergamo, ed esaltarsi nel derby ma quando ha preso il pullman per Torino, all’Allianz Stadium ha avuto una piccola battuta d’arresto. Nella prima sfida contro la Juventus, quando ancora non era così netto il duello per lo scudetto, l’Inter ha quasi avuto paura: per la prima volta ha fatto a patti con l’avversario. Non ci sono state grandi emozioni in quella gara, i bianconeri si sono portati in vantaggio con Vlahovic e dopo poco Lautaro ha rimesso in parità i suoi e quel pareggio è sembrato andar bene ad entrambe. Non era ancora tempo di sfoderare gli artigli ed azzannare l’altra, incattivendola per la sfida del ritorno. Un punto pacifico. Domenica l’Inter avrà tutte le carte a disposizione per rendere il match una vera e propria guerra, il premio in palio sono 3 punti che potrebbero essere 3 proiettili letali per il cammino verso la vittoria e una vittoria potrebbe migliorare ancora le statistiche brillanti di questa stagione.

E poi, continuare a dire “numeri quasi perfetti” inizia a diventare fastidioso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni