Vai al contenuto

Inter-Juventus: probabili formazioni e chi non ci sarà

Come arriva l’Inter: rientrano Barella e Calhanoglu, Inzaghi rispolvera i titolari

Inzaghi ritroverà 2/3 del suo centrocampo titolare. Tornerà in cabina di regia Hakan Calhanoglu e al suo fianco Nicolò Barella, entrambi dopo aver scontato il turno di squalifica. Dopo aver rifiatato nel match giocato ieri contro la Fiorentina dovrebbe toccare nuovamente a Francesco Acerbi prendere in mano il cuore del terzetto difensivo nerazzurro, con Stefan De Vrij nuovamente in panchina, mentre sulla corsia sinistra si rivedrà dal 1° minuto, con molta probabilità, Federico Dimarco, anche lui a riposo nel match giocato al Franchi. Il resto della formazione è praticamente già fatta con i soliti nomi a completare le linee di difesa, centrocampo e attacco. Un Lautaro Martinez sempre più capocannoniere è pronto a prendersi il palcoscenico di San Siro contro la Vecchia Signora e, al suo fianco, ci sarà come sempre Marcus Thuram.

Come arriva la Juventus: Allegri perde Milik e ha il dubbio Chiesa

La Juventus, di contro, dovrà fare a meno di Milik, espulso nel match disputato sabato pomeriggio contro l’Empoli e vede ancora in forte dubbio la presenza in campo di Federico Chiesa, ancora alle prese con malanni fisici che ne stanno condizionando la stagione. L’azzurro è stato costretto a diversi forfait in questo campionato ed ha nelle gambe pochi minuti a disposizione. Un rebus in attacco per Massimiliano Allegri che, con molta probabilità, risolverà affidandosi alla coppia VlahovicYildiz. In difesa dovrebbe rientrare Danilo, fatto riposare contro l’Empoli per evitare l’ammonizione che sarebbe costata lo stop contro i nerazzurri.

Le probabili formazioni di Inter-Juventus

INTER (3-5-2) – Sommer; Pavard, Acerbi, Bastoni; Darmian, Barella, Calhanoglu, Mkhitaryan, Dimarco; Lautaro, Thuram.

JUVENTUS (3-5-2) – Szczesny; Gatti, Bremer, Danilo; Cambiaso, McKennie, Locatelli, Rabiot, Kostic; Vlahovic, Yildiz.


© Consentita la sola riproduzione parziale citando e linkando la fonte.
Mirko Patera

Mirko Patera