Vai al contenuto

Inter-Lazio, le pagelle: Dumfries e Sanchez cambiano la partita, giornata no per Acerbi

CONDIVIDI:
Banner Libro

Sommer 6- Il tiro di Kamada non sembra imparabile ma lui riesce soltanto a sfiorarlo. In precedenza aveva respinto bene una conclusione di Castellanos.

Pavard 6+ Il più pimpante del terzetto difensivo. Solido in marcatura e sempre pronto a fiondarsi nella metà campo offensiva. Nel finale è protagonista di un recupero in scivolata che fa esplodere San Siro.

Acerbi 5+ Gara decisamente sottotono. Non ha il passo per tenere Castellanos e riesce raramente a giocare d’anticipo. Lento e impreciso in fase di impostazione.

Bastoni 5,5 Soffre il dinamismo della Lazio e più di una volta finisce per farsi saltare. Scarso pure il contributo in fase di possesso.

Darmian 5,5 In fase di spinta è totalmente assente se si esclude un cross sballato. Si limita a mantenere la posizione fino alla sostituzione.

Barella 6- Un paio di giocate di grande tecnica e tanta corsa, ma incide poco in fase di possesso. Sbaglia tanti palloni non da lui.

Calhanoglu 5,5 Non accorcia su Kamada che dal limite dell’area fa secco Sommer. La regia è compassata e gli manca la garra dei giorni migliori quando deve rincorrere i centrocampisti biancocelesti.

Mkhitaryan 5,5 C’è la notizia: pure lui è umano. Per la prima volta in stagione appare quasi svagato e fornisce una prestazione senza guizzi. Leggerino quando difende, poco ispirato con il pallone tra i piedi.

Dimarco 6+ Nel primo tempo è il migliore dei suoi: arriva un paio di volte alla conclusione e accentrandosi fa perdere le proprie tracce a Marusic in più di un’occasione. Ara la fascia sinistra fino a quando non gli finisce la benzina.

Lautaro 6+ Il palo colpito di testa gli nega la gioia del gol. Per il resto lotta e si abbassa spesso sulla trequarti per cucire il gioco anche se il supporto dei compagni non è granché.

Thuram 6- Pronti via si ritrova a tu per tu con Provedel ma si fa respingere il tiro. Poi un paio sgasate delle sue ma Gila lo contiene e lui si spegne alla distanza.

 

Inzaghi 6 Onora il giorno della consegna dello Scudetto schierando i titolarissimi che però lo ripagano con una prestazione opaca. Raddrizza la partita con i cambi: sbilancia la squadra e, pur rischiando qualcosa in un paio di circostanze, i nerazzurri trovano la rete del pareggio.

 

Subentrati

dal 64′ Frattesi 6 Un solo inserimento in area e tanta legna in mediana.

dal 64′ Dumfries 6,5 Il gol arriva con un perfetto terzo tempo che non lascia scampo a Provedel. Prima di allora anche due traversoni pericolosi dalla destra.

dal 64′ Carlos Augusto 6 Partecipa al forcing finale spingendo da braccetto di sinistra.

dal 76′ Buchanan 6- Punta sempre l’uomo ma non lo salta mai.

dal 76′ Sanchez 6+ La prima punizione finisce sulla barriera, la seconda è una pennellata che diventa un assist perfetto per Dumfries.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vincenzo Corrado

Vincenzo Corrado

Giornalista professionista, scrittore e altre cose che andavano di moda prima dell'intelligenza artificiale.Caporedattore de Il NerazzurroView Author posts