Vai al contenuto

MVP serie A, assurda esclusione di due nerazzurri

Sommer Lautaro Inter
CONDIVIDI:
Banner Libro

Diramate le candidature per le assegnazioni dei premi MVP di stagione, impossibile non notare l’assenza di due nerazzurri.

Nel tardo pomeriggio di ieri, sui profili social della Lega Serie A sono state diramate le nomination per eleggere gli MVP di stagione che saranno assegnati a breve. Per ciascun ruolo, in aggiunta il miglior giovane, figurano tre candidati, ma alcune decisioni stanno facendo discutere soprattutto i tifosi nerazzurri.

La prima esclusione eccellente è quella di Sommer dalla categoria dei portieri, in cui a contendersi il premio saranno Szczesny, Carnesecchi e Di Gregorio. Nonostante l’Inter si sia laureata campione d’Italia non solo con il miglior attacco ma anche con una difesa impenetrabile (18 gol subiti al momento della matematica vittoria del campionato e 17 clean sheet dell’ex Gladbach), l’estremo difensore nerazzurro non è stato inserito tra i migliori della stagione.

Assenza ancora più rumorosa quella di Lautaro e Thuram dalla categoria di miglior attaccante. Al loro posto Vlahovic, Leao e Dybala. Il Toro, capocannoniere della serie A, è stato escluso per un motivo molto semplice, ossia il premio, quasi certo, come miglior giocatore in assoluto. L’MVP generale della serie A 2023/24 sarà Lautaro Martinez e verrà annunciato nei prossimi giorni e l’assenza tra i candidati come miglior attaccante è dovuta al fatto che nessun giocatore può ricevere due premi (ecco perché Zirkzee è stato candidato solo tra Under). Per il Tikus Thuram il discorso è ben diverso e molto semplice: il francese non è stato scelto e questo ha fatto infuriare non poco i tifosi nerazzurri che si aspettavano la nomina per l’uomo le cui cavalcate in campo aperto e i gol da prima pagina hanno segnato la strada verso la seconda stella.

A questo punto la domanda sorge spontanea, come si scelgono i candidati?

Le terzine vengono selezionate in base alle analisi di Stats Perform, realizzate sulla base dei dati tracking registrati con il sistema Hawk-Eye, registrato nel 2010 con K-Sport e approvato scientificamente. Tale sistema di rating analizza non solo i dati statistici e gli aspetti tecnici, ma anche i dati posizionali. Ciò significa che questo sistema è in grado di analizzare aspetti fondamentali come il movimento senza palla, le giocate e il contributo al gol, tutti dati che consentono una valutazione oggettiva della prestazione di ciascun giocatore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Alessia Lazzaroni

Alessia Lazzaroni