Vai al contenuto

Inter-Real Sociedad: vietata la vendita degli alcolici, ecco dove

Stadio san siro inter champions league
CONDIVIDI:
Banner Libro

In vista della partita di martedì sera tra Inter e Real Sociedad, gara valevole per l’ultima giornata del girone di Champions League e che deciderà chi finirà al primo posto, il prefetto di Milano Claudio Sgaraglia, ha imposto il divieto di vendita degli alcolici in determinate zone della città, perlopiù in quelle limitrofe allo stadio di San Siro, ma non solo. Ecco tutti i dettagli dell’ordinanza.

Dal Duomo a San Siro: ecco dove sarà vietata la vendita degli alcolici

Decisione che farà discutere, ma presa per evitare possibili problemi di ordine pubblico quella decisa dal prefetto di Milano per la giornata di martedì 12 dicembre, giorno in cui si giocherà la partita tra Inter e Real Sociedad. Come viene riportato da Milano Today, questo divieto riguarderà più zone della città lombarda, e quindi non solo nello stadio. Nel dettaglio, la vendita degli alcolici è vietata a partire dalle 9 del mattino fino alle 20 di sera, quindi ad un’ora prima dell’inizio della partita, nelle seguenti zone di Milano: piazza San Babila, piazza Duomo, piazza Cordusio, largo Cairoli, largo Beltrami, piazza Castello, Foro Buonaparte, nelle vie adiacenti e nelle zone limitrofe allo stadio Meazza, a zona Corso Como, zona Darsena e zona Sempione.

Mentre il divieto ha orari leggermente diversi nello stadio di San Siro e nelle immediate vicinanze, con l’impossibilità di consumare alcolici che parte dalle 12 fino a mezzanotte. Ecco la spiegazione ufficiale rilasciata dal comune di Milano:

Per assicurare il sereno svolgimento della manifestazione sportiva e prevenire possibili turbative per l’ordine pubblico dovute all’eventuale abuso di bevande alcoliche” è stato “disposto il divieto della somministrazione e della vendita di bevande alcoliche e superalcoliche, nonché la vendita per asporto in contenitori di vetro e lattine sia in forma fissa che ambulante, senza inibirne l’ordinario consumo con servizio al tavolo”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Emanuele Di Vitto

Emanuele Di Vitto