Vai al contenuto

Uno Juventus-Inter da record!

Quest’anno il Derby d’Italia tra Juventus ed Inter è tornato ad essere decisivo per lo scudetto, dopo diversi anni dall’ultima volta. Quello andato in scena domenica sera era lo scontro tra la prima e la seconda della classe. La ritrovata rivalità anche in termini di obiettivi ha suscitato grande entusiasmo nei tifosi di entrambe le fazioni, che hanno fatto registrare diversi record in termini di spettatori.

Uno Stadium mai così gremito

Il Derby d’Italia ha portato all’Allianz Stadium ben 41.507 spettatori: una cifra mai raggiunta prima dal nuovo stadio della Juventus. Il precedente record era stato registrato sempre in uno Juventus-Inter, sempre di Serie A, disputato il 7 dicembre del 2018. Al tempo la Juve si preparava a vincere il suo ottavo scudetto di fila e Cristiano Ronaldo aveva appena cominciato la sua prima stagione in bianconero.

Record di collegamenti per Dazn

Quello al botteghino non è l’unico record registrato grazie a Juventus-Inter. Anche Dazn ha registrato il suo picco stagionale. Sono ben 2.1 milioni gli spettatori che hanno assistito a Juventus-Inter. Il Derby d’Italia si è dunque piazzato al primo posto delle sfide più seguite sulla piattaforma. Il precedente primato, riguardante la stagione in corso, apparteneva a Milan-Juve della nona giornata. In quell’occasione gli spettatori furono 1.9 milioni.

Un quadro non all’altezza della cornice

E’ un peccato che a tale riscontro mediatico non sia seguito lo spettacolo che tutti si attendevano. La sfida tra Juventus e Inter di domenica sera non è stata, per usare un eufemismo, il massimo del divertimento. E’ stata una partita bloccata e con pochi tiri in porta. Il pareggio maturato alla fine del primo tempo era un risultato che in fin dei conti soddisfava entrambe le compagini. Nel corso del secondo tempo le due squadre sono state più attente a non tornare a casa con una sconfitta che a cercare il goal del vantaggio. La conseguenza di questo atteggiamento è stata una seconda frazione di gioco soporifera.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Luca Arcangeli

Luca Arcangeli