Cagliari – Inter 1 – 3 le pagelle dei “nerazzurri”

Valutiamo la prestazione dei nerazzurri…

Cagliari – Inter 1 – 3 le pagelle dei “nerazzurri”

Valutiamo la prestazione dei nerazzurri…

1 Handanovic (7): Paratona nel primo tempo su Pavoletti, e anche una serie di uscite alte sempre tempestive.

33 D’Ambrosio (5,5): primo tempo di grande sofferenza con troppe imprecisioni nei passaggi, va meglio nella ripresa con i sardi meno aggressivi.

37 Skriniar (7): le palle alte sono tutte sue, quelle basse idem, dalle sue parti non si passa. Sul gol subito Pavoletti gli viene da dietro ma l’errore é di tutta la linea di difesa poco reattiva.

25 Miranda (7-): ben registrata la tattica del fuorigioco interista grazie a suoi dettami, peccato per l’ammonizione che gli costerà una giornata di squalifica.

21 Santon (6-): non sale con i tempi adeguati in occasione del loro gol, per il resto onesta partita, nulla più.

6 Vecino (5,5) in difficoltà nel primo tempo come tutto il centrocampo neroazzurro, esce per infortunio alla coscia ad inizio ripresa. Speriamo bene. (55′)

77 Brozovic (6,5): gli diamo il merito del bel gol del raddoppio, per il resto va a corrente alternata come sempre.

20 Borja Valero (5,5): serata senza i suoi consueti spunti, non fa girare bene la squadra, sia quando gioca avanti, sia da dietro.

5 Gagliardini (6,5): partita di sostanza, é l’unico che a centrocampo tiene botta fisicamente. Anche lui in squalifica. 87 Candreva (7,5): é una ira di Dio sulla fascia destra, confeziona da solo tutte le occasioni da rete della sua squadra.

(86′) 7 Cancelo (s.v.): speriamo di vederlo in campo con un maggiore minutaggio, cosa difficile con l’attuale Candreva, e da terzino Spalletti non lo vede ancora.

44 Perisic (6): la sufficienza è meritata per il gran assist fornito nel primo gol di Maurito, anche se la sua prestazione non é stata eclatante. 9 Icardi (8): bomber di razza, in molti dovranno inghiottire le eresie dette e scritte nei suoi confronti. Un’altra doppietta in archivio.

(90′) 23 Eder (s.v.): ormai é diventato lui l’uomo dei minuti finali, e obbedisce da gran professionista.

Allenatore: Spalletti: (6,5): qualcosa non ha proprio funzionato nel brutto primo tempo della beneamata, scuoteva spesso la crapa pelata, ma nel secondo tempo, complici sopratutto i ritmi abbassati, trova gli equilibri giusti per la quadratura tattica dei suoi.

Print Friendly, PDF & Email