Cagliari – Inter 1 – 5, le pagelle dei nerazzurri

Nelle premesse poteva essere una partita complicata: il Cagliari ha costruito in casa la sua classifica in casa: 23 punti, sul totale di 31, con 7 vinte, 2 pareggiate e 4 perse, i fatti hanno mostrato una partita in cui gli isolani hanno giocato una dozzina di minuti, poi sono spariti e l’Inter ha passeggiato…

Handanovic 6 – L’intervento sulla punizione di Di Gennaro è l’unica parata di tutto il match. Forse correo sul gol di Borriello, spettatore per tutto il secondo tempo.

D’Ambrosio 6 – Il primo tempo sotto il suo livello medio di stagione, errata marcatura di Borriello in occasione del gol sardo. Meglio nel secondo tempo, va vicino al gol con un gran tiro da fuori e serve a Icardi il pallone con il quale Maurito va a procurarsi il rigore.

Medel 6,5 – Salva l’Inter nei primi minuti di gioco, poi rimane di guardia, ma non passa quasi mai nessuno. 

Miranda 6,5 – Concede poco dietro. 

Ansaldi 5 – Nota negativa, riproposto titolare con il ritorno della difesa a 4,  impreciso come sempre.

Gagliardini 6,5 – Solita prestazione di sostanza, buoni i movimenti, i tempi l’ordine. Importante anche se poco appariscente. Trova finalmente il suo primo gol in Serie A.

Kondogbia 5 – Si è rivisto il giocatore della scorsa stagione. Secondo il nostro parere non maturerà mai.

Candreva 6 – Qualche segnale di ripresa… Nulla di speciale, ma già il fatto che abbia giocato in maniera ordinata è positivo.

Banega 7 – Sfrutta pienamente la sua occasione con un assist delizioso, e un gol direttamente da calcio di punizione. Non sempre continuo nell’arco dei 90 minuti, ma ha confermato di essere un giocatore di categria supeiore, non proprio un top player.

Perisic 7,5 – Il croato torna al gol e lo fa con la doppietta che indirizza sui binari giusti la partita. Meno devastante rispetto ad altre circostanze, ma a lui basta un niente per lasciare il segno.

Icardi 6,5 – Avulso dal gioco nel primo tempo, meglio nella ripresa quando con i suoi movimenti mette maggiormente in difficoltà la retroguardia sarda. Si procura e trasforma il rigore che spezza il digiuno lontano da San Siro e fa l’assist per il secondo gol di Perisic. Peccato per la traversa colpita nel finale. Deve ritrovarsi…

Eder 6 – Quando entra in campo la partita è già sull’1-4 e diventa difficile riuscire a mettersi in mostra. Si nota soltanto quando serve a Gagliardini il pallone dell’1-5.

Joao Mario – sv

Nagatomo – sv

{loadposition EDintorni}

Print Friendly, PDF & Email