Caos Icardi, quale soluzione prevarrà?

Pare per il momento placato  “l’uragano Wanda”, scoppiato all’imrovviso, che ha rischiato di turbare gli equilibri portando scompiglio in un ambiente già di per sè poco sereno per via dei malumori di Roberto Mancini.

 

Dai social network la moglie del bomber argentino si è esposta parlando di insoddisfazione e poca considerazione per un giocatore che in questi  anni ha segnato più di cinquanta gol con la maglia nerazzurra. Crediamo poco che il tutto sia partito da lei, ma di sicuro c’è dietro il buon Mauro incapace di esporsi in prima persona ma capace di mandare avanti la moglie coraggiosa a fare i suoi interessi. Dopo aver rinnovato meno di un anno fa a cifre importanti eccolo tornare a battere cassa ribadendo, sempre tramite Wanda, di non voler lasciare l’Inter però…

Da buon mercenario mette i soldi davanti alla maglia e questo non si addice ad un buon capitano, basti pensare che un altro capitano suo connazionale rifiutò una vagonata di soldi e la maglia del Real Madrid per sposare la causa nerazzurra. Ma paragonarsi a quel capitano è impossibile per lui e forse lo è per tutti quelli che dopo lui hanno indossato quella fascia. A Maurito della maglia non importa nulla, lui ama soldi e Wanda o forse a questo punto c’è da pensare che dietro questa ennesima richiesta di denaro ci sia l’ex moglie di Maxi Lopez?

Sta di fatto che dopo l’insediamento dei ricchi proprietari Suning la signora Nara se n’è uscita con la vecchia promessa di aumento e con una lista di fantomatiche proposte per il marito. Non cè che dire un tempismo perfetto… Il tutto non è passato inosservato agli occhi dei tifosi che hanno inveito contro il bomber argentino, in molti pensavano che davvero tenesse all’Inter ma dopo tutto questo trambusto la sua posizione in curva si è fatta davvero delicata. Ma come si muoverà la dirigenza nerazzurra per sbrogliare questa delicatissima matassa?

 

Le soluzioni sono tre, la più sensata è quella di trattenere Icardi magari concedendogli qualcosa dal punto di vista economico, ed in questo senso vanno visti gli interventi del Vice President Zanetti e, addirittura, di Massimo Moratti in persona, perché Icardi avrà si sbagliato i tempi ma la sua giovane età che rientra nei profili Suning e la media da doppia cifra ne fanno uno dei migliori attaccanti nel panorama europeo.

Seconda ipotesi: l’Inter vende Icardi e con parte della somma incassata va a prendere un attaccante giovane ma di sicura affidabilità, e il nome che piace è quello di Milik classe 94, che già conosce il calcio europeo, ma pare non voglia sapere di venire.

Terza soluzione ma più difficile: vendere Icardi e puntare su Stevan Jovetic  che in questo inizio di stagione ha convinto tutti per impegno e, se dovesse restare Mancini al timone dell’Inter, ha chiarito i vecchi dissapori che ne hanno caratterizzato la scorsa stagione. Alla fine però tutto lascia pensare che il montenegrino saluterà i nerazzurri e Maurito resterà al centro dell’attacco, bersagliato si dai tifosi ma con in tasca un ricco aumento di stipendio con buona pace di tutti compresa la bella Wanda Nara, ora molto più calma e meno ciarliera.

Print Friendly, PDF & Email