EL Inter-Eintracht 0-1 ed i tedeschi passano ai quarti

Segna Jovic al sesto minuto, l'Inter sparisce... Ciao ciao Europa League

Segna Jovic al sesto minuto, l’Inter sparisce… Ciao ciao Europa League

EL Inter-Eintracht 0-1 ed i tedeschi passano ai quarti

È l’ennesimo boccone amaro di una stagione in cui l’Inter sta scomparendo. A piccoli passi ma tutti ravvicinati e duri da digerire. Fuori dalla Champions, una corsa scudetto che non è mai veramente iniziata, fuori dalla Coppa Italia e adesso fuori dall’Europa League.

 

L’Eintracht di Francoforte gioca una partita attenta e giudiziosa. Porta a casa un gol prezioso e ringrazia De Vrij. Manca più volte il gol del raddoppio e l’Inter omaggia Handanovic per aver tenuto aperta una gara sino alla fine.

L’Eintracht gioca in casa con i suoi quasi quindicimila tifosi al seguito; l’Inter, al contrario, non sembra accorgersi del fattore casalingo e appare, per larghi tratti dell’incontro, come impalpabile.

I nerazzurri sono molto rimaneggiati e tra infortuni, squalifiche e diatribe interne Spalletti è costretto a fare scelte obbligate.

La partita da vincere a tutti i costi diventa complicata e irta  di difficoltà già dopo pochi minuti quando Jovic porta in vantaggio, come detto, i tedeschi.

La difesa, come altre volte, non appare impeccabile e l’Inter deve inseguire. Se il reparto arretrato si mostra lacunoso anche in avanti gli uomini di Spalletti appaiono incapaci d’imbastire un’azione degna di nota.

I tedeschi vanno vicini al secondo gol e in definitiva l’esiguo vantaggio del primo tempo  appare quasi un dono sul quale l’Inter potrebbe agganciare qualche speranza, seppur tenue, di riprendere la partita.

Nella ripresa stesso copione del primo tempo.

La squadra interista ha difficoltà nel far gioco e nel far gol. In più gioca senza carattere e senza cuore.

I tedeschi attaccano e sovrastano fisicamente l’Inter. Si rendono quasi sempre pericolosi sfiorando, in varie occasioni, quel gol che chiuderebbe definitivamente l’incontro.

I ragazzi di Hutter mostrano grinta da vendere e velocità. Si muovono come un gruppo coeso e sanno sempre cosa fare. L’Inter sembra invece aver smarrito queste caratteristiche. Mancano pochi giorni per ritrovarle. Il derby e il Milan sono ormai dietro l’angolo.

 

 

Print Friendly, PDF & Email