FPF, il piano dell’Inter per sistemare il bilancio entro il 30 giugno

Sistemazione bilancio per FPF UEFA

Quasi sicuro: il bilancio Inter sarà sistemato nei tempi richiesti dall’UEFA

Accontentare la Uefa in materia di FFP senza vendere alcun big? Si può, come spiega Tuttosport. L’Inter ha pronto il piano per fare plusvalenze senza cedere nessun pezzo da 90 della sua rosa. Alle cessioni ormai scontate di Kondogbia e Nagatomo che frutteranno poco oltre i 10 milioni di plus, i nerazzurri vorrebbe aggiungere uscite cosiddette minori. Chi può lasciare Milano entro la fine di giugno, quindi, è Eder, Biabiany, Pinamonti, Puscas e poi i vari Bardi, Di Gennaro, Radu, Carraro, Palazzi, Longo, Manaj e Forte. Mentre dalla Primavera di Vecchi potrebbero arrivare incassi interessanti da Valietti, Emmers, Zaniolo, Rover e Odgaard. Infine, come aggiunge sempre il quotidiano torinese, occhio al terzino Under-21 Dimarco, ceduto l’estate scorsa al Sion, ma per il quale l’Inter valuta un diritto di recompra di circa 7 milioni (ma gli accordi fra i club potrebbero prevedere delle cifre differenti). “Il club nerazzurro ha comunicato all’entourage del ragazzo l’intenzione di riportarlo in Italia, su di lui c’è il forte interesse del Cagliari e di altri club di A e B”.

Tabella possibili plusvalenze:

Sono pronte altre soluzioni ed altre operazioni per la definitiva sistemazione al 30 giugno.

Print Friendly, PDF & Email