Frosinone – Inter 0 – 1, note di gara

Il quattordicesimo gol in campionato di Mauro Icardi, il cinquantesimo in cento presenze in nerazzurro, permette all’Inter di tornare alla vittoria
 
 
 
FROSINONE – Senza gli squalificati Nagatomo e Miranda, Mancini sceglie Telles a sinistra e Jesus in copia con Murillo al centro della difesa. Sulla destra torna D’Ambrosio. Centrocampo affidato a Melo e Brozovic, i quattro offensivi sono Perisic, Biabiany, Jovetic al rientro tra i titolari dopo l’infortunio e Mauro Icardi, alla centesima con la maglia nerazzurra.
L’Inter parte forte sugli esterni con i cross di Perisic e Biabiany che però non portano conclusioni verso la porta difesa da Leali. Al 7′ bella combinazione Perisic-Telles, il brasiliano va al cross teso deviato da Ajeti sul quale Jovetic non può arrivare. Seconda grande occasione al 13′: Jgvetic si libera tra le linee e serve sulla corsa Biabiany, il francese lascia scorrere il pallone e carica il destro, che però non inquadra la porta anche per merito del recupero di Pavlovic. I padroni di casa allentano la pressione conquistando un corner, ma i nerazzurri continuano a costruire occasioni: al 20′ ci prova Melo dalla distanza, poi ancora Perisic scappa sulla sinistra e cerca Jovetic nel cuore dell’area piccola, ma Leali anticipa tutti in uscita bassa.
Al 27′ ci prova anche il Frosinone con una conclusione dal limite di Frara che si spegne a lato alla destra di Handanovic. I gialloblù si fanno vedere ancora su calcio piazzato al 32′, senza successo. Grande occasione per i nerazzurri al 38′: Jovetic allarga per Biabiany, che punta l’area e scarica un destro sul quale Perisic manca la deviazione vincente. Due minuti dopo bella serpentina di Kragl che prova il mancino, troppo centrale per impensierire Handanovic. È l’ultima occasione di un primo tempo che si chiude senza recupero.
Si ricomincia con gli stessi 22 in campo, e si ricomincia con l’Inter in avanti: Icardi ruba palla a centrocampo, Brozovic serve Jovetic che si accentra e viene messo giù al limite dell’area da Ajeti. Sulla punizione calciata da Brozovic svetta più alto di tutti Murillo, ma il colpo di testa del colombiano termina alto. I nerazzurri continuano a gestire il possesso del pallone sulla trequarti avversaria ma senza trovare lo spunto decisivo, e così alla prima sortita il Frosinone va a un passo dal gol: calcio di punizione dal lato corto dell’area di rigore calciato da Pavlovic, Ciofani colpisce con un po’ di fortuna ma non centra la porta. Al 58′ Kragl serve Pavlovic che, contrastato da Biabiany si lascia cadere in area e riceve un giallo per simulazione da Tagliavento. Crescono i padroni di casa dopo un primo quarto d’ora d’attesa, ma così facendo prestano il fianco alle ripartenze dei nerazzurri: su una di queste, al 62′, Jovetic servito da Brozovic trova lo spazio giusto per il tiro ma Leali si fa trovare pronto.
Al 64′ Kragl si libera sulla sinistra e crossa per Paganini, che di testa anticipa la difesa interista ma colpisce il palo interno alla destra di Hadanovic. Passata la paura i nerazzurri si tornano a proiettarsi in avanti e conquistano due corner, sul secondo dei quali Melo colpisce debolmente di testa. Al 67′ Biabiany si incunea tra le linee, scarica sulla destra per D’Ambrosio che trova Perisic sul secondo palo, ma il destro al volo del croato difetta in precisione. Al 73′ altra grande occasione per i padroni di casa, con la punizione dai 25 metri di Pavlovic che si stampa sulla traversa. Nel momento di difficoltà ci pensa il capitano, Mauro Icardi: Perisic crossa dalla destra, Maurito anticipa Blanchard e di testa segna il cinquantesimo gol in cento presenze nerazzurre. Inter vicina al raddoppio al 79′ con Jovetic, al termine di un’azione orchestrata da Melo e Biabiany, ma il destro dell’attaccante sibila nei pressi dell’incrocio dei pali. Due minuti dopo padroni di casa in 10: Blanchard ferma Jovetic e Tagliavento estrae il secondo giallo. In superiorità numerica i ragazzi di Roberto Mancini provano a gestire il pallone ed il tecnico nerazzurro addormenta il match con i cambi a disposizione, ma il Frosinone è ancora pericoloso con il palo esterno colpito da Ciofani.
Nel recupero c’è tempo per una conclusione fuori misura di Perisic e un destro alto di Babiaby, servito dalla sponda di Icardi. L’ultima occasione è per il Frosinone, con una punizione dalla metà campo calciata in area da Leali, che Murillo prima e Palacio poi riescono a liberare. L’Inter torna così alla vittoria con il quattordicesimo centro in campionato di Mauro Icardi.
FROSINONE-INTER 0-1
Marcatori: Icardi (74′)
FROSINONE: 33 Leali; 28 Rosi, 93 Ajeti, 6 Blanchard, 20 Pavlovic; 8 Gucher (80′ Longo 12), 5 Gori (72′ Chibsah 22), 7 Frara; 17 Paganini, 9 Ciofani, 11 Kragl (75′ Carlini 29).
A disposizione: 1 Zappino, 25 Bardi, 3 Crivello, 4 Russo, 10 Soddimo, 12 Longo, 13 Ciofani, 29 Carlini, 44 Pryyma.
Allenatore: Roberto Stellone
INTER: 1 Handanovic; 33 D’Ambrosio, 24 Murillo, 5 Jesus, 12 Telles (86′ Santon 21); 11 Biabiany, 77 Brozovic, 83 Melo (85′ Medel 17), 44 Perisic; 10 Jovetic (89′ Palacio 8), 9 Icardi.
A disposizione: 30 Carrizo, 46 Berni, 7 Kondogbia, 22 Ljajic, 23 Eder, 27 Gnoukouri, 29 Miangue, 96 Gyamfi, 97 Manaj.
Allenatore: Roberto Mancini
Ammoniti: Gucher (23′), Frara (29′), D’Ambrosio (32′), Kragl (35′), Ajeti (50′), Pavlovic (58′), Blanchard (63′), Melo (71′),
Espulsi: Blanchard (81′)
Recupero: 0′ – 4′
Arbitro: Tagliavento
Assistenti: Musolino, Preti
IV uomo: Passeri
Assistenti addizionali: Calvarese, Pasqua
 
Print Friendly, PDF & Email