Inter-Lazio 0-1 le dichiarazioni di Spalletti

I vari momenti e dichiarazioni nel dopo partita del signor Luciano Spalletti

I vari momenti e dichiarazioni nel dopo partita del signor Luciano Spalletti

Inter-Lazio 0-1 le dichiarazioni di Spalletti
L’analisi del tecnico nerazzurro dopo Inter-Lazio riportata dal sito ufficiale F.C. Internazionale:

È un gol di Milinkovic al 13′ a decidere il match valido per la 29^ giornata di Serie A tra Inter e Lazio: “Non possiamo negare che sia un risultato pesante, contro una concorrente diretta per il nostro obiettivo – ha dichiarato Luciano Spalletti dopo il fischio finale -. Abbiamo condotto il match nella maniera corretta per larghi tratti, ma non siamo stati fortunati nelle prime occasioni. Loro sono passati in vantaggio e hanno avuto la possibilità di fare la partita che volevano fare. Siamo stati bene in campo, ma questi episodi hanno indirizzato la gara e hanno complicato le cose”. “Abbiamo creato delle situazioni insidiose ma ci siamo giocati alcune chance senza la giusta tranquillità. Soprattutto con le conclusioni di Politano serviva un po’ più di fortuna. Abbiamo sbagliato solo la prima parte della ripresa, perché abbiamo forzato cercando spazi sulla trequarti pur sapendo che loro si chiudono in dieci dietro la linea della palla. Avremmo dovuto far girare la palla con qualità per aprire i varchi giusti”.

 

Il primo commento di Luciano Spalletti, tecnico nerazzurro, ai microfoni di Sky Sport nel dopo partita:

Quanto consideri pesante questa sconfitta? E da dove nasce?
“Sicuramente è pesante, contro una concorrente diretta. Una partita che secondo me è stata condotta molto bene per larghi tratti, non siamo stati fortunati sulle occasioni iniziali poi loro sono andati in vantaggio e hanno potuto fare la partita che volevano. Nasce da questi episodi qui, perché noi siamo stati molto bene in campo. Loro coi terzini ripartono molto bene e noi siamo stati disordinati con poche chiusure preventive, poi la Lazio un paio di occasioni le crea con chiunque. Hanno segnato alla prima azione e questo ha complicato tutto”.

Quanto toglie tranquillità all’ambiente il caso Icardi?
“Fa divertire voi, a me non toglie niente… Devono giocare gli altri per come si è comportato, poi voi fate le fiction, è roba vostra. Gli eventi sono chiari, ma ci sono gli altri dentro ed è giusto che giochino gli altri. Lui poteva anche giocare un tempo per me, ma bisogna stare dentro uno spogliatoio ed avere credibilità, magari essere forti ma avere credibilità in un gruppo. Io l’ho avuta per 22 anni, sono i calciatori coi quali ho avuto a che fare che raccontano la mia storia, non voi con quello che vi fa comodo andare a parare. Gli sviluppi sono quelli. Poi erano sei anni che l’Inter non andava in Champions? Sei? E Icardi c’era. Quante partite abbiamo perso con Icardi in campo? La mediazione per fargli mettere la maglia per gli sportivi interisti è una cosa umiliante. Valutate voi cosa vuol dire trattare per mettere la maglia dell’Inter. Cosa faccio, mando venti mail per dire se si è convocati o no? Io ho bisogno di far giocare gli altri, poi lui rientra in gruppo e se continua a comportarsi come ha fatto sin qui… Messi e Cristiano Ronaldo fanno la differenza e pochi altri… E’ la disciplina la vera forza della squadra, verso se stessi e verso il contesto in cui si lavoro. Poi la tensione all’Inter la mettono sempre addosso perché le saltano addosso tutti e fanno cose che questo club non merita; i miei appelli a difendere l’Inter erano in questo senso. Poi io sono tranquillissimo, la mattina torno nello spogliatoio facile. Poi ho detto ieri chiaro e tondo che Icardi non giocava stasera, ma ai giornalisti non interessa”.

Inter troppo prevedibile e che non sa sfruttare le azioni da calcio d’angolo:
“Va ritirata fuori la tensione di cui si parlava prima, quando si va poco tranquilli si sbaglia sui calci d’angolo e si soffre il momento della partita. Brozovic ha dei piedi splendidi come Politano che è entrato 3-4 volte calciando di sinistro, poi la palla è arrivata anche a Skriniar. Sono cose importanti che ci sono capitate, poi dopo il gol… Icardi che c’entra? Quante partite abbiamo perso con lui? Se volete bacchettare su quel discorso è perché volete fare il vostro film, spingere dove volete spingere. Ho lasciato fuori altri giocatori per un discorso di continuità, ma poi devi essere credibile, fare le cose giuste”.

La trattativa quindi non ti è piaciuta?
“La trattativa l’avete raccontata voi… Domandiamo a un tifoso dell’Inter se gli fa piacere se un giocatore va pregato per fargli indossare la maglia”

La versione per Tuttosport:

“Grande Lazio, bufera Inter. Spalletti demolisce Icardi”. Oggi In prima pagina TuttoSport dedica uno dei due titoli principali alla sconfitta dell’Inter in casa contro la Lazio e, soprattutto, allo sfogo di Luciano Spalletti ai microfoni dei giornalisti nel postpartita. Argomento principale: il caso relativo a Mauro Icardi. “Deve stare fuori per come si è comportato. Umiliante la trattativa per convincerlo a mettersi la maglia dell’Inter. La differenza la fanno Ronaldo e Messi, non lui”. Parole riportate nel sottotitolo dal quotidiano torinese.

La trattativa sarebbe umiliante perchè, travisando i fatti avvenuti perchè pro domo sua, il tecnico dichiara che Icardi “sarebbe andato per avvocati” al fine essere reintegrato e riottenere il suo posto in squadra. Non si limita a questo: Domanda al proprio interlocutore da quanti anni l’Inter non andava in Champions, eppure Icardi c’era! Il “poco” signor” Spalletti dimentica i giocatori che componevano la rosa in quegli anni, noi rispettiamo quei giocatori, ma vorremmo far notare che in fatto di rosa oggi la squadra è messa sicuramente meglio,  vero è che a fine del player trading estivo dello scorso anno tutti gli addetti ai lavori ritenevano che esaminando la rosa sulla carta l’Inter poteva essere la più accreditata rivale della Juventus. In ogni caso la maggior parte dele dichiarazioni di Spaletti riportate dai quotidiani ci pare siano state riportate previa edulcorazione del parlato e senza far notare l’enfasi delle risposte. Nella realtà pare proprio che Icardi, dietro consiglio dell’ex Presidente Massimo Moratti abbia domandato all’avv. Paolo Nicoletti di tentare una ricomposizione in bonis, senza minaccia alcuna di adire le vie legali, della vicenda che si stava protraendo da troppo tempo e pareva peggiorare di giorno in giorno, invece di ammorbidirsi… Purtroppo il carattere “fumino del signor Spalletti è ben conosciuto… Chiedere a Panucci,

Sono d’obbligo alcune precisazioni:

Il 13 febbraio 2019 è una data maledetta, era il giorno della partenza per Vienna, dove l’Inter si recava per giocare la partita di andata dei sedicesimi di finale dell’Europa League contro il Rapid Vienna. Il giocatore Icardi Mauro ha rifiutato, a quanto asserisce la società, la convocazione per la trasferta di Vienna.

Per motivi che ci paiono molto misteriosi, visto che la società non si è mai degnata di spiegare con un comunicato quali sarebbero i fatti gravissimi accaduti tra lo spogliatoio ed il giocatore Icardi Mauro, che hanno portato alla decisione di togliere allo stesso la fascia di capitano?

Da questo momento in poi l’unico fatto saliente è molto semplice: il giocatore ha fatto presente alla società che da tempo è sofferente per una tendinopatia al ginocchio destro e che ritiene sia giunto il momento di smettere di partecipare alle competizioni ufficiali con un infortunio, non gravissimo, ma sicuramente fastidioso, che spesso lo ha obbligato a giocare sottoponendosi ad infiltrazioni.

Il giocatore Icardi Mauro è stato sottoposto ad accertamenti strumentali presso la clinica Humanitas di Rozzano e con un comunicato ufficiale, assai poco chiaro la società ha dichiarato:

“Non si rileva “nessuna variazione significativa” rispetto agli stessi esami effettuati prima dell’inizio della stagione”

Il fatto che non si rilevi nessuna variazione significativa rispetto agli stessi esami effettuati prima dell’inizio della stagione significa tutto e nulla:

  • il comunicato non specifica i contenuti del referto medico degli accertamenti strumentali eseguiti prima dell’inizio della stagione in corso: il ginocchio era o non era in situazione di un infortunio, seppur non grave, si o no?
  • il fatto che non si rilevi nessuna variazione significativa significa molto semplicemente che variazione c’è stata. Non importante, forse non ostativa, ma variazione c’è stata. Questa almeno è l’opinione di noto medico, specialista in materia.
  • dall’inizio della stagione in corso è stato sottoposto ad infiltrazioni per giocare?
  • i medici della società hanno esplicitamente ammesso l’esistenza di una situazione di infortunio, del quale non hanno fornito chiarimento alcuno, stabilendo un periodo di cura fisioterapica, che asseriscono essere sufficiente alla guarigione.
  • il piano terapeutico ha eliminato il problema realmente o solo in via presuntiva?
  • il giocatore Icardi Mauro ritiene di poter tornare in campo per svolgere la sua attività? Allenamenti ed eventi agonistici? A quanto pare no! Ciò pare sia stato dichiarato dall’allenatore, sig. Luciano Spalletti che avrebbe posto la domanda al giocatore, ottenendo la seguente risposta che ha comunicato alla stampa e della quale esiste filmato audio-video: “Ho ancora fastidio/dolore, vi dirò io quando mi sentirò bene”.

Tutto quanto sinora esposto in merito all’infortunio è rappresentativo di fatti oggettivi , in mancanza di oggettiva documentazione probante del contrario. 

L’effetto di tutto quanto occorso, in mancanza di fatti oggettivamente incontrovertibili dalla società da prodursi, è da ritenersi vero e reale per ciò che attiene le dichiarazioni del giocatore, mentre non appare chiaro ed evidente quanto asserito e non documentato dalla società…

Francamente tutti noi tifosi siamo felici ed insultiamo Icardi e signora per una grave situazione spogliatoio dovuta ad Icardi che ha molto del fantomatico, della quale non si conosce nulla???

Condanniamo per un problema presunto di rinnovo miliardario richiesto da Wanda Nara che in realtà pare non esista e per delle scemate buttate lì in una trasmissione televisiva?

La prima parte termina qui. Personalmente non riteniamo di essere aprioristicamente tifosi integralisti del giocatore contro tutto e contro tutti… Comunque state tranquilli, le possibilità che Mauro Icardi rimanga all’Inter sono ridotte al lumicino, cosa che abbiamo fatto presente e scritto in articolo pubblicato in tempi non sospetti…

Nella conferenza di Sabato 30 Marzo il sig. Spalletti ha dichiarato:

“Icardi? L’ho trovato per certi versi come un calciatore nuovo, è tanto che non era con noi, non lo conosco. Ritengo che non possa essere ancora in grado di aiutare i compagni squadra, per cui per domani non è convocato.

Lasciamo a voi lettori ogni valutazione di quando sopra.

Nota: Spalletti stesso ha apertamente dichiarato che, dopo essersi allenato in gruppo, il giocatore poteva giocare anche un tempo! Degli screzi con Francesco Totti ormai si sa tutto. Meno di quelli con Igor Denisov ai tempi dello Zenit o Marek Jankulovski nell’Udinese, senza dimenticare Christian Panucci.

 

Print Friendly, PDF & Email