Inter: quale mercato estivo per i nerazzurri?

Una situazione ancora molto confusa e magmatica, ma chi comanda???

Strategie di mercato un po’ confuse, che spesso si sovrappongono in casa nerazurra. Al momento si tratta solo ed unicamente di voci, poche le trattative che hanno la possibilità di concludersi… Ma vediamo di dare un occhiata a queste voci che proveremo a seguire con attenzione… Sarà importante comprendere il ruolo della compagine cinese nel prossimo mercato estivo.

Continuano le voci di un incontro avvenuto tra gli uomini di mercato Inter ed il  PSG, che avrebbe offerto due giocatori più cash per avere Mauro Icardi. Da più parti giungono conferme dell’con Al-Khelaifi. Le due società avrebbero parlato: che includerebbe 3 giocatori, tra cui l’attaccante dell’Inter Mauro Icardi, che andrebbe a sostituire il partente Cavani. I nerazzurri chiedono 40 – 50 milioni di euro per il cartellino del centravanti. Il tycoon indonesiano inoltre vorrebbe portare a Milano Rabiot e Van Der Wiel in scadenza di contratto. Rimane tuttavia difficile che il tutto si possa concludere con uno scambio tra i tre giocatori, più un conguaglio di 20 milioni di euro a favore del club meneghino.

Sembra sempre più vicino l’addio di Brozovic all’Inter, il nome del croato sembra essere quello sul quale l’Inter punterà per ripianare le casse societarie. Dopo Kovacic, anche Brozovic potrebbe quindi lasciare Milano e fare spazio quindi a Soriano, sempre più probabile elemento del prossimo centrocampo nerazzurro. Il centrocampista croato, già da tempo in orbita Arsenal, sembra il più sacrificabile; di sicuro sarà molto difficile che l’Inter lasci partire Icardi (a meno di offerte davvero irrinunciabili ndr), il centravanti argentino viene ritenuto elemento cardine del progetto nerazzurro, così come Miranda e Murillo.

L’Inter ha deciso su chi puntare a centrocampo, i nomi sui quali fare affidamento saranno quindi quelli di Kondogbia (troppo presto per non credere più nel francese ndr), Soriano (prossimo nerazzurro ndr), e Banega (col quale l’affare dovrebbe essere già chiuso ndr).

Si continua invece a parlare di Texeira, acquistato dai cinesi, che arriverebbe a Milano, mentre pare vicina la partenza di Felipe Melo, in direzione Cina…

Non è mancato un incontro tra Thohir e Moratti. I due hanno parlato di mercato, e pare siano d’accordo sui nomi che rinforzeranno notevolmente la squadra. Ma anche delle bocciature.

Durante la cena tra i due presidenti non è mancato il mercato, al centro del discorso. I due sono d’accordo su 5-6 nomi per rinforzare la squadra, e consegnare a Roberto Mancini una formazione da scudetto, che manca ormai da 6 anni.

Gli arrivi – due giocatori a centrocampo sono già sicuri: si tratta di Ever Banega, e Roberto Soriano (???), già bloccati per giugno, il sogno Candreva. Il terzo nome potrebbe essere Bruno Peres, terzino destro del Torino, giocatore che darebbe più spinta alla squadra. Passiamo all’attacco: la società vorrebbe andare sul sicuro, e consegnare al tecnico jesino, sempre che decida di rimanere, Zlatan Ibrahimovic, giocatore che conosce già la Serie A, in scadenza di contratto con il PSG. Con lui ci dovrebbe essere l’arrivo di Jonathan Calleri, che può giocare da punta, seconda punta, e ala.

Le bocciature – Stevan Jovetic e Adem Ljajic non dovrebbero essere riscattati.

Sacrificato/i – Marcelo Brozovic dovrebbe essere il canditato numero uno alla cessione, necessario per far cassa: su di lui un paio di squadre della Premier League, che farebbero follie pur di averlo. Ma attenzione a Mauro Icardi, su di lui il Manchester United, e sabato Mou lo ha visto da vicino in Inter-Sampdoria. Tra i promossi troviamo il terzino Telles, che anche l’anno prossimo dovrebbe essere lui a occupare la corsia di sinistra.

L’avvento dei cinesi all’Inter unito al cambio di guida tecnica in quel di Manchester sponda City potrebbe dar luogo ad un suggestivo intreccio di mercato tra le due società. Pep Guardiola avrebbe dato mandato ai dirigenti inglesi di tentare di portare al City Geoffrey Kondogbia che in questa stagione nerazzurra è apparso un corpo estraneo. Ironia della sorte il centrocampista francese dovrebbe andare a sostituire un certo Yaya Tourè da sempre pallino del tecnico nerazzurro Roberto Mancini. E qui la trama si fa molto interessante perchè il City e Guardiola, conscio delle enormi potenzialità di Kondogbia, è disposto a spendere sui 30/35 milioni per il giocatore. Tourè ha da tempo capito che con l’arrivo dello spagnolo il suo periodo al City è finito, però di concludere la carriera negli States o in Cina dove sarebbero pronti a ricoprirlo d’oro non ne vuole proprio che sapere.

Mancini che telefonicamente lo pressa da tempo farebbe carte false per tornare ad allenarlo e da parte sua Yaya sarebbe stuzzicato dall’accettare questa nuova ed intrigante sfida. Il Manchester pur di accaparrarsi Kondogbia sarebbe disposto a rinunciare all’indennizzo di 7/8 milioni, resta da convincere il giocatore ad abbassarsi uno stipendio da 10 milioni che gli inglesi gli garantiscono fino al 2017. Tutto sembra molto bello e molto semplice ma le domande che in molti nell’ambiente si pongono sono tante: dopo le buone prove offerte contro il Napoli e soprattutto contro l’Udinese si vuole davvero rinunciare così presto ad un giocatore dalle enormi potenzialità? Vale davvero la pena investire tanti soldi d’ingaggio per un giocatore di quasi 33 anni? Anche in società si pongono questi interrogativi perchè un campione come Kondogbia non può essersi trasformato nel giro di un solo anno da astro nascente a meteora.

Una cosa è certa: la squadra va migliorata ma siamo certi che ciò avvenga sacrificando un patrimonio tecnico come Kondogbia? Gente come il francese ed Icardi dovrebbero rappresentare la spina dorsale della nuova Inter anche in virtù della giovane età dei due. Il valore di Kondogbia è riconosciuto in tutta Europa e se anche uno come Guardiola ci ha messo gli occhi addosso un motivo ci sarà, speriamo qualcuno lo faccia sapere a quel signore in panchina.