Inter: situazione attaccanti molto complicata.

Oggi la situazione attaccanti dell'Inter è da brivido: l'unico vero attaccante a disposizione di Antonio Conte è Lautaro Martinez, che dopo gli impegni di "Copa America" non è ancora rientrato alla base. 

Lukaku, Dzeko, Higuain e Icardi

Oggi la situazione attaccanti dell’Inter è da brivido: l’unico vero attaccante a disposizione di Antonio Conte è Lautaro Martinez, che dopo gli impegni di “Copa America” non è ancora rientrato alla base.

Inter: situazione attaccanti molto complicata.

 

La Settimana

Le notizie da noi raccolte ci portano a delineare la situazione che andiamo a descrivere: Lukaku, giocatore che Conte ritiene imprescindibile all’interno del suo progetto, allo stato dell’arte è lontanissimo. L’Inter proverà per un’ultima volta di trovare l’accordo con i Red Devils, presenterà una nuova offerta, con la quale, secondo il parere degli addetti ai lavori il deal, a meno di improvvisi cambi di opinione degli inglesi, non sbloccherà la trattativa.

Le probabilità che Lukaku vesta la maglia nerazzurra il prossimo anno sono ridotte al lumicino ed i tempi sono molto stretti, visto che l’8 agosto il mercato inglese chiuderà. L’Inter ritiene che esistano le possibilità di portare Lukaku a Milano, ma tra gli addetti ai lavori c’è molto, molto scetticismo.

Edin Dzeko è il secondo obiettivo della dirigenza interista ed ovviamente di Antonio Conte. Al momento la Roma fa muro, nessuna contropartita tecnica e 20 milioni di Euro, ma esiste un chiaro motivo: allo stato dei fatti se la Roma cedesse Dzeko rimarrebbe scoperta nel ruolo della prima punta.

La Roma è in trattativa con la Juventus per Higuain,  ma esistono due ostacoli: il primo  è la valutazione dell’argentino: la Juventus per non fare una minusvalenza deve cedere Higuain intorno ai 35 milioni di Euro. Il secondo ostacolo è l’ingaggio: il giocatore della Juve percepisce un ingaggio di 7.5 milioni di Euro, una retribuzione non alla portata della Roma, che chiede una partecipazione della Juventus, per alleggerire l’impatto sul monte ingaggi dell’emolumento di Higuain.

Non esiste ancora l’accordo definitivo tra Juventus e Roma e per questo motivo il trasferimento di Dzeko all’Inter è ancora bloccato. L’opinione degli addetti ai lavori è che alla fine Juve e Roma troveranno un accordo soddisfacente per entrambe e Dzeko dovrebbe finalmente arrivare a Milano sponda Inter.

Eccoci a Mauro Icardi. L’argentino nerazzurro al momento fa muro ad ogni ipotesi di trasferimento, vuole rimanere in nerazzurro e dopo le voci circolate negli ultimi giorni spera in una reintegrazione nella rosa, per tentare poi di guadagnarsi il suo posto al sole.

In mancanza dell’acquisto di Lukaku, secondo il parere di vari addetti ai lavori, Antonio Conte, visionati i test CPS di Maurito, potrebbe anche accettare la reintegrazione di Icardi, ma la dirigenza ha immediatamente escluso l’ipotesi, cosa ovvia, non poteva certo esporsi alla prima difficoltà di mercato, rinnegando la chiara dichiarazione: “Icardi non rientra nei progetti del club”.

Ma che ne sarà di Icardi? Quali sono le squadre interessate all’acquisto di Icardi? La squadra più interessata è sicuramente la Juventus, che però ha i suoi problemi da risolvere: il primo di tutti Higuain, poi vengono le altre uscite che il club bianconero ha in programma.

La convinzione di tutti è che la Juventus si farà gli affari suoi, per poi presentarsi negli ultimi giorni di mercato presentando all’Inter un’offerta sconcia, tra i 30 ed i 40 milioni di Euro, accompagnata da un “prendere o lasciare”. L’Inter ha già lanciato chiari messaggi che non svenderà il giocatore e, secondo le voci trapelate nelle ultime ultime ore ha fissato per la cessione di Icardi una cifra intorno agli 80 milioni, che a nostro parere chiuderebbe tutte le possibilità di cessione.

Poco chiara la posizione del Napoli, la seconda ed ultima pretendente italiana al cartellino di Icardi, l’offerta di 50-60 milioni cash, mai confermata nè ufficializzata, sparisce davanti alla nuova quotazione fissata dall’Inter. DeLa non spenderebbe mai una cifra del genere, nemmeno per Messi giovane.

L’Inter si avvicina pericolosamente ad una soluzione terribile: tenere Icardi fermo 2 anni, pagandogli 9 milioni lordi l’anno + i premi, diciamo una decina di milioni, che proiettata sui 2 anni si rappresenta in 20 milioni lordi, con 2 sole punte, Lautaro Martinez e Dzeko, per disputare campionato, champions e coppa italia.

A tutti pare una scelta scellerata e per questo in molti ritengono che questa ipotesi potrebbe nel tempo portare alla reintegrazione e rivalutazione di Icardi con cessione al termine della stagione 2019-2020. Se poi l’Inter, dopo aver fin qui gestito malissimo la situazione davvero molto male, deciderà di tenere il giocatore fermo e libero di accordarsi a parametro zero nel gennaio 2021, saremmo dinnanzi ad una scelta aziendale assurda, nessun altro commento commento potrebbe essere battezzato diversamente.

Quello che è certo è che la faccenda non si sbloccherà in tempi brevi.

Il Nerazzurro, l’unico vero quotidiano dei tifosi interisti!
Print Friendly, PDF & Email