Inter – Udinese 5 – 2, le note di gara

I nerazzurri ritrovano la vittoria casalinga grazie alle reti di Eder, Perisic, Brozovic, ancora Eder e l’autorete di Angella.

Inter – Udinese 5 – 2, le note di gara

I nerazzurri ritrovano la vittoria casalinga grazie alle reti di Eder, Perisic, Brozovic, ancora Eder e l’autorete di Angella.

MILANO – È la sera di Palacio e Carrizo, l’ultima notte della stagione 2016/2017. L’argentino trova posto tra i pali nella sfida con l’Udinese, D’ambrosio, Andreolli, Medel e Santon sulla linea difensiva con Gagliardini e Kondogbia in mediana, Candreva, Brozovic e Perisic a tre quarti e Eder punta. Al terzo minuto l’Inter è subito pericolosa con Andreolli, ben raggiunto da Candreva su calcio d’angolo. La sua girata di testa finisce in out di poco. È il preludio alla rete di Eder, l’attaccante azzurro conclude in rete uno scambio sull’asse croata Brozovic-Perisic. L’uno a zero scuote la formazione ospite. Angella fa sussultare il Meazza deviando di testa la palla fuori di pochissimo. Poco dopo è ancora Udinese con Duvan Zapata che impegna Carrizo con due diagonali consecutivi.

Quando la tavola sembra apparecchiata per il pareggio dell’Udinese i nerazzurri raddoppiano. È ancora un guizzo di Eder determinate, il numero ventitré ruba palla ad Heurteaux e crossa in diagonale per Perisic. Il croato, in spaccata, porta il risultato sul due a zero. L’Inter ormai domina la sfida. In rapida successione Gagliardini spreca un velo di Eder non calciando dall’area e Perisic impegna Scuffet in un grande intervento.

Al minuto 36 arriva la terza rete di Brozovic: dal fondo Perisic scarica alle sue spalle, il numero 77 in corsa centra l’angolino. C’è tempo per un altra incursione dell’indiavolato esterno di sinistra ma il croato calcia alto da posizione ravvicinata. La prima frazione finisce con il risultato di tre a zero.

Si riparte da Nagatomo al posto di Medel con Santon centrale di difesa. Il leit motif della gara però, non cambia. Si riparte da una bella intuizione di Brozovic che serve Perisic in corsia, l’esterno stende un avversario con un doppio passo e serve in area Eder che di mancina sigla la quarta rete, sua seconda personale. È il minuto di Palacio che sostituisce Perisic tra gli applausi. Subito dopo Sainsbury entra per Santon. L’Udinese ha un sussulto e accorcia le distanze con un destro di Balic all’incrocio dei pali. I nerazzurri reagiscono subito e con Kondogbia lavorano una buona palla sulla sinistra. Il cross del francese trova la deviazione in porta di Angella per il cinque a uno.

All’ultimo respiro Zapata trova il gol del 5 a 2 sullo sviluppo di una palla inattiva.  Finisce tra i cori dei tifosi che salutano Palacio autore di 58 reti con la maglia nerazzurra e rappresentante di un calcio fatto di intelligenza, lavoro e sacrificio.

Il nostro ringraziamento, va fatto inoltre ai tifosi nerazzurri presenti a San Siro in stagione con una media di 46.622 spettatori a partita. Un amore infinito che avrebbe meritato una diversa e migliore posizione in classifica.

INTER-UDINESE 5-1 (5′ Eder, 19′ Perisic, 35′ Brozovic, 54′ Eder, 75′ Balic, 78′ Angella Aut, 92′ Zapata) 

INTER: 30 Carrizo; 33 D’Ambrosio, 17 Medel (55 Nagatomo 46′), 2 Andreolli, 21 Santon; 5 Gagliardini, 7 Kondogbia; 87 Candreva, 77 Brozovic, 44 Perisic (8 Palacio 55′); 23 Eder.
A disposizione: 1 Handanovic, 97 Radu, 8 Palacio, 11 Biabiany, 19 Banega, 20 Sainsbury, 40 Vanheusden, 41 Gravillon, 42 Rivas, 55 Nagatomo, 94 Yao, 99 Pinamonti.
Allenatore: Stefano Vecchi

UDINESE: 22 Scuffet; 75 Heurtaux (19 Matos 29′), 30 Felipe, 4 Angella; 27 Widmer, 99 Balic, 14 Jankto (8 Badu 46′), 23 Hallfredsson (95 Evangelista 60′), 34 Gabriel Silva; 9 Zapata, 77 Thereau.
A disposizione: 1 Karnezis, 8 Badu, 19 Matos, 37 Faraoni, 53 Adnan, 63 Scordino, 64 Vasko, 65 Djoulou, 95 Evangelista.
Allenatore: Luigi Delneri

Arbitro: Di Paolo
Assistenti: Gava, Pegorin
IV uomo: Di Iorio
Assistenti addizionali: Damato, Mainardi

Ammoniti: D’ambrosio, Widmer, Saintsbury

{loadposition EDintorni}

 

Print Friendly, PDF & Email