L’arrivo di Sabatini segnerà l’inizio di una nuova epoca.

L’Inter aspetta Walter Sabatini.

L’arrivo di Sabatini segnerà l’inizio di una nuova epoca.

L’Inter aspetta Walter Sabatini.

Con lui inizierà una nuova era. L’inizio, ufficiale, è programmato per questa settimana con l’arrivo a Milano del nuovo dirigente, già sbarcato in Italia ma che ieri non ha incontrato la squadra e i dirigenti a Roma. Lo riferisce stamane la Gazzetta dello Sport, che poi spiega che è possibile che un primo vero contatto avvenga oggi nella Capitale, lontano dai riflettori; in ogni caso, domani l’ex d.s. della Roma dovrebbe recarsi nella sede di corso Vittorio Emanuele II per entrare nella piena operatività dopo aver studiato per due mesi i mali di un ambiente che ha bisogno di una cura. A tal proposito, Suning da tempo pensa che l’uomo più indicato per salvare la situazione sia Antonio Conte che anche ieri, a margine dei festeggiamenti per la Premier vinta con il Chelsea, ha glissato da campione della comunicazione come ormai gli capita in ogni sua uscita con i media. L’ex c.t. dell’Italia, ora concentrato sulla finale di FA Cup con cui potrebbe conquistarsi, parlerà con Abramovich e deciderà entro fine mese. Dopo l’autoesclusione di Simeone («Rimarrò qui all’Atletico perché questo club ha un futuro e il futuro siamo tutti noi») e un Allegri a sua volta concentrato sulla finale di Champions (il Triplete potrebbe indurlo a cercare altre sfide), l’alternativa pronto uso rimane Spalletti. Anche se non vanno escluse sorprese.

{loadposition EDintorni}

Print Friendly, PDF & Email