L’Inter batte il Crotone e resta, almeno per una notte, prima in classifica

L’Inter e Spalletti infilano la quarta vittoria consecutiva.

L’Inter batte il Crotone e resta, almeno per una notte, prima in classifica

L’Inter e Spalletti infilano la quarta vittoria consecutiva.

Mai il tecnico, in carriera, era partito così bene. Successo che regala ancora il primo posto in classifica. Al termine di una gara difficile e al cospetto di avversario che ha lottato con grande orgoglio e che avrebbe forse meritato di più. Spalletti, durante la settimana, aveva avuto modo di sottolineare che, sulla strada verso la Champions, mancavano all’appello i gol della squadra. Come dire che Perisic e Icardi sono importanti ma non sono sufficienti per raggiungere l’obiettivo. La squadra, puntualmente, fa proprio il messaggio del tecnico e lo esegue quasi alla lettera. All’82’ Skriniar sblocca il risultato sugli sviluppi di un calcio di punizione dalla sinistra e al 92’ il croato Perisic, sfruttando l’asse Icardi-Joao Mario, insacca per il raddoppio. Il Crotone disputa una buona partita, arriva spesso e volentieri dalle parti di Handanovic e in alcune azioni inquadra la porta ma non riesce a segnare il gol del meritato vantaggio. Handanovic è in un autentico stato di grazia e almeno in due occasioni importanti salva la sua porta e i destini dell’Inter. Bravo nel primo tempo su Tonev; addirittura straordinario nella seconda frazione di gioco su un gran colpo di testa di Rohden. Gagliardini, a centrocampo, non sembra in giornata. Tutto il bello che aveva lasciato intravedere contro la Spal risulta come dimenticato. Risultiamo, più in generale, troppo prevedibili, lenti; le verticalizzazioni sono ipotesi sconosciute tanto che a imbastire le azioni ci pensano i difensori con dei lanci lunghi. Creiamo, in buona sostanza, poco. I terzini D’Ambrosio e Dalbert risultano per lo più deficitari. Facciamo fatica a controllare e superare il Crotone. I ragazzi di Nicola sono in palla e solo la scarsa vena nel concretizzare sottorete impedisce di parlare di un’altra gara e di un risultato diverso. Nella ripresa Spalletti cerca di modificare le carte in tavola dando spazio a Nagatomo e Vecino al posto dell’evanescente Gagliardini e Dalbert. Il Crotone macina gioco e l’Inter continua a vivere una giornata abulica anche se ha il merito di restare sempre in partita. A sette minuti dal termine Skriniar conferma tutta la stima che il tecnico di Certaldo nutre nei suo confronti. Sblocca il risultato e segna uno dei gol invocati, a gran voce, da Spalletti in settimana. L’Inter incamera tre punti in classifica. Il risultato resta la cosa migliore della giornata. Non è poco anche se c’è molto da lavorare e migliorare.

Amala!

{loadposition adorizzontale} 

Print Friendly, PDF & Email