L’Inter batte il Sassuolo e vede l’Europa

L’Inter batte il Sassuolo, infila la seconda vittoria consecutiva in campionato e apre una finestra sull’Europa. In realtà i passi falsi di Roma e Milan consentono di nutrire qualche legittima speranza anche in chiave Champions.

Il Sassuolo di Di Francesco è ampiamente rimaneggiato tenuto conto che gli indisponibili sono ben dieci oltre allo squalificato Peluso. L’Inter, dal canto suo, è in fieri perché Pioli è sempre impegnato nel darle un volto e un’anima. Il tecnico interista è sicuramente sulla buona strada; rinuncia ancora una volta a Banega e motiva la squadra nella giusta maniera. Alla fine vinciamo in trasferta, cosa che non ci riusciva dal 21 settembre scorso.
L’Inter è conscia dell’importanza della posta in palio. Gli uomini di Pioli partono forte e cercano subito di prendere il comando delle operazioni. Il centrocampo regge; Melo e Joao Mario si fanno sentire in mezzo al campo per qualità e quantità. Facciamo la partita e presidiamo, in modo particolare, le fasce. Non è un caso, infatti, che Candreva sfiori il gol in due occasioni. Prima Consigli si oppone al tiro dalla distanza dell’ex laziale e successivamente è il palo che blocca le velleità interiste. Al 27’ Icardi va vicino al gol con un bel colpo di testa ma la punta argentina non riesce ad imprimere la traiettoria giusta e vincente.

L’Inter attacca a testa alta ma nello stesso tempo mostra il fianco a qualche ripartenza del Sassuolo. In una di queste Handanovic sventa un grosso pericolo su un tiro al volo di Defrel al 34’. L’Inter è sempre reattiva e verso la fine del primo tempo ancora Perisic costringe Consigli ad un intervento provvidenziale.

La seconda frazione di gioco si apre sulla falsariga del primo tempo. Trascorrono solo due minuti e Candreva porta in vantaggio l’Inter. Consigli ribatte su Joao Mario ma l’esterno nerazzurro è il più veloce nel ribadire in rete da ottima posizione. Risultato giusto e meritato, siglato dal migliore in campo. Nel finale Perisic sbaglia due facili occasioni e Melo si fa espellere. Era importante vincere e vittoria è stata.

Amala!

{loadposition EDintorni}