Lothar Matthäus: l’Inter tornerà grande!

Dice l’ex interista: per la Juventus sarà dura

Lothar Matthäus, recentemente insignito della maglia numero 10 di Inter Forever, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, oltre a immergersi nei ricordi dell’Inter che fu, prova anche ad analizzare il presente. L’Inter attuale ha smarrito la confidenza con la vittoria? “Non è una squadra costante”. Zhang ha intenzioni serissime: si può rivedere un’Inter da scudetto? “Suning riporterà in alto i nerazzurri e per la Juve sarà dura vincere il settimo scudetto consecutivo. Gli investimenti della famiglia Zhang faranno la fortuna dell’Inter e del movimento calcistico italiano. Comunque non serve una rivoluzione, la base è ottima: con 2-3 top player si potrà correre per lo scudetto“. Cosa ne pensa di Stefano Pioli? “Conosce e capisce il calcio. E ne è innamorato. In più è tifoso dell’Inter. Piccole cose che fanno la differenza”. Qual è il suo top 11 nerazzurro di sempre? “Quello dello scudetto dei record: Zenga, Bergomi, Brehme, Matteoli, Ferri, Mandorlini, Bianchi, Berti, Diaz, Matthäus, Serena senza scordare Beppe Baresi. La ricorderò per sempre. Ma ricorderò anche quella del Milan di Arrigo Sacchi: Giovanni Galli, Tassotti, Maldini, Ancelotti, Costacurta, Baresi, Donadoni, Rijkaard, Van Basten, Gullit, Evani con Filippo Galli, Colombo e Virdis. Due squadre che hanno scritto un pezzo di storia calcistica”. Chiusura ‘fisica’: qual è stato il giocatore più duro mai affrontato? “Simeone! Quando lo sfidavo mettevo due parastinchi per gamba: davanti e dietro. Diego era leale, ma duro in campo. Qualcuno sentiva l’ansia nell’affrontarlo… non io”

{loadposition EDintorni}

Print Friendly, PDF & Email