Roma – Genoa: finisce in parità il recupero al Ferraris

L’attaccante bosniaco salva i suoi nel recupero della 3a giornata di Serie A contro la Sampdoria, vicinissima ai 3 punti dopo il penalty trasformato da Quagliarella nel finale della prima frazione.

Roma – Genoa: finisce in parità il recupero al Ferraris

L’attaccante bosniaco salva i suoi nel recupero della 3a giornata di Serie A contro la Sampdoria, vicinissima ai 3 punti dopo il penalty trasformato da Quagliarella nel finale della prima frazione.

Dopo Lazio-Udinese 3-0, finisce in parità il recupero della terza giornata del campionato di Serie A tra Sampdoria e Roma allo Stadio Luigi Ferraris di Marassi. Quagliarella apre i giochi dal dischetto al tramonto dei primi 45′, mentre nel finale l’uomo mercato Dzeko gela il pubblico blucerchiato di testa. Giampaolo schiera i suoi con il solito 4-3-1-2, non rinunciando al bomber del momento Quagliarella uscito acciaccato dopo la sfida con la Sampdoria. Insieme a lui in attacco il solito Zapata, mentre sulla trequarti inamovibile Gaston Ramirez. In mediana ecco Linetty, Torreira e Praet. Di Francesco che risponde con l’ormai consolidato 4-3-3. Dzeko è titolare malgrado le sirene di mercato inglesi, insieme a lui nel tridente Cenzig Under e Defrel. Chiavi del centrocampo affidate ancora una volta a Strootman, mentre Nainggolan e Pellegrini nel ruolo di mezzali. Il reparto arretrato è lo stesso di quello che ha dimostrato grande solidità nella sfida di San Siro contro l’Inter.

Sfida subito calda quella del Ferraris, con Dzeko che prova a scacciare via le voci di mercato che lo vedono ormai sul piede di partenza, destinazione Londra, non riuscendo però ad agganciare l’ottimo suggerimento di Under dalla sinistra. Lo stesso bosniaco all’8′ prova a girare di sinistro dopo un errato disimpegno blucerchiato trovando però la respinta di un ottimo Silvestre in copertura. Più Roma che Samp nei primi minuti, con i locali che si fanno vedere al quarto d’ora con una conclusione di Linetty disinnescata da Fazio. Al 20′ Viviano si sporca per la prima volta i guantoni sul tiro da fuori di Pellegrini. Ma l’occasione nitida per i giallorossi matura al 25′, con Nainggolan che sugli sviluppi di un contropiede azionato da Dzeko riceve dalla destra un pallone invitante da parte di Pellegrini calciandolo di prima intenzione verso la porta dell’estremo difensore blucerchiato, che di riflesso mette in angolo di piede. I ritmi si abbassano un po’, fino al colpo di testa di Manolas che al 39′ mette i brividi alla difesa della Sampdoria.

La Roma dal canto suo prova a sbloccarla nei minuti finali della prima frazione, ma a passare sono invece gli uomini di Giampaolo con Quagliarella: braccio di Kolarov sul cross di Ramirez, Orsato al replay non ha dubbi e assegna il penalty che l’attaccante blucerchiato trasforma senza problemi.

La rete del blucerchiato gela la formazione capitolina, che al rientro dagli spogliatoi rischia addirittura di subire il raddoppio Samp: Zapata riceve dalla destra il suggerimento di Praet non riuscendo però a trovare lo specchio della porta da posizione invitante. Intanto un Quagliarella non al meglio cede il posto a Caprari, con il neo entrato che al 63′ impegna severamente Alisson su punizione: la sua traiettoria a giro viene miracolosamente sventata in angolo dal brasiliano che evita la capitolazione ai suoi. Primi 20′ del secondo tempo disputato a livelli altissimi da parte dei padroni di casa, che al 65′ iniziano a concedere qualcosa di troppo agli ospiti. Pellegrini prova con una conclusione secca da fuori di poco a lato, mentre poco dopo Dzeko si vede annullato il gol del pari per offside. Al 75′ sono ancora i giallorossi a sfiorare il pari con Pellegrini che mette in mezzo per Dzeko che non riesce ad impattare mandando fuori tempo il giovane Antonucci. Dall’altra parte Caprari sciupa tutto su corner mandando alta la sfera, mentre all’86’ è Alisson a compiere un altro miracolo proprio sull’attaccante ex Roma che col mancino trova la grande risposta di piede del Nazionale verdeoro.

Sfida che sembra ormai incanalata verso l’1-0, ma quando tutto sembrava finito Edin Dzeko colpisce gelando i tifosi del Ferraris nel primo dei 4 minuti di recupero: palla liftata di Antonucci dalla sinistra, Ferrari non riesce ad impattare il pallone che finisce proprio sulla testa del bosniaco che mette dentro per il definitivo 1-1.

Print Friendly, PDF & Email